Menopausa

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

  Menopausa

Testo a cura de Il Pensiero Scientifico Editore

COS’È LA MENOPAUSA?

La menopausa è un passaggio naturale della vita di ogni donna che consiste nella fine dei cicli mestruali e quindi del periodo fertile, per esaurimento della funzione ovarica.

Nonostante i numerosi cambiamenti che si manifestano nelle donne, essa non è una malattia ma un evento fisiologico obbligato che ogni donna deve attraversare nella sua vita.

Si definisce menopausa quando sono passati 12 mesi dall’ultimo ciclo mestruale.

In quest’arco di tempo che precede la menopausa vera e propria, le donne avvertono una serie di modificazioni fisiche e ormonali che preparano l’organismo ad affrontare il cambiamento definitivo. Questo periodo di transizione tra la vita fertile e la menopausa è definito “climaterio”.

Si può parlare di menopausa quando il ciclo mestruale manca da 12 mesi, in assenza di altre patologie che possano giustificarne il motivo.

Il periodo che precede tale momento viene definito premenopausa, quello invece che lo segue viene chiamato postmenopausa.

Il Climaterio è l’insieme di queste tre fasi.

Non conoscendo preventivamente l’epoca della menopausa non è ovviamente possibile datare l’insorgenza della premenopausa.

Indicativamente questo periodo inizia alcuni anni prima ed è caratterizzato dalla comparsa dei tipici disturbi della menopausa. Essi sono tanto più marcati quanto più è alterata la produzione ormonale da parte dell’ovaio che si sta esaurendo.

A CHE ETÀ SI AFFRONTA LA MENOPAUSA?

L’età media di insorgenza della menopausa è intorno ai 51 anni (tra i 48 e i 52).

Segna la fine della vita fertile di una donna in quanto si esauriscono le cellule uovo contenute nell’ovaio e conseguentemente vengono a determinarsi tutta una serie di modificazioni ormonali, con possibili cambiamenti psico-fisici più o meno evidenti, sia soggettivamente che obiettivamente.

La menopausa comincia quando le ovaie (organi dell’apparato riproduttore femminile che producono gli ormoni e che mensilmente sono responsabili del ciclo che poi porta alla mestruazione) smettono di produrre ormoni (estrogeni e progesterone).

Questo processo di declino dell’attività ovarica ha inizio già a partire dai 40 anni, e, in relazione alla sua entità, si possono avere manifestazioni cliniche più o meno marcate.

Spesso può verificarsi una condizione chiamata “menopausa precoce”, in cui l’epoca della menopausa risulta notevolmente anticipata.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA MENOPAUSA?

Le alterazioni ormonali indotte dal cambiamento dell’attività ovarica (in particolare la riduzione di estrogeni ovarici) possono causare una serie di sintomi tipici.

Alcuni di essi sono:

  • irregolarità dei cicli mestruali;
  • vampate di calore;
  • insonnia;
  • ansia e depressione;
  • tremori;
  • repentini cambiamenti dell’umore;
  • aumento dei battiti cardiaci;
  • calo della libido;
  • difficoltà di concentrazione;
  • aumento di peso.

In postmenopausa possono sopraggiungere inoltre: alterazioni della mucosa vaginale (come per esempio “secchezza”) e dell’apparato genito-urinario ( con frequenti cistiti e/o incontinenza urinaria ) e anche perdita di massa ossea (osteoporosi).

SI PUÒ PREVENIRE LA MENOPAUSA?

Essendo una tappa obbligata e fisiologica della vita di ogni donna, non c’è nulla che si possa fare per evitarla.

Si possono prevenire però tutti i suoi lati negativi preparandosi sia fisicamente che psicologicamente a questo periodo.

La migliore terapia è quella di adottare uno stile di vita sano con una corretta alimentazione, una costante e regolare attività fisica, senza fumo e bevande alcoliche.

In tal modo si prevengono anche patologie cardiovascolari che in menopausa non godono più della protezione da parte degli ormoni estrogeni, come accade durante l’età fertile.

COME SI EFFETTUA LA DIAGNOSI?

Generalmente per la diagnosi di menopausa non si effettuano test o indagini di laboratorio.

Si tratta di una diagnosi clinica che si basa sull’associazione tra l’irregolarità o la mancanza dei cicli mestruali, la comparsa dei sintomi tipici e l’età.

Tuttavia all’occorrenza esami di laboratorio e/o strumentali potranno essere dirimenti per la diagnosi differenziale con altre patologie.

ESISTE UN TRATTAMENTO PER LA MENOPAUSA?

La terapia prevede l’assunzione di quegli ormoni (estrogeni e progesterone) che “sostituiscono” quelli che l’ovaio, essendosi esaurito, non produce più. Di qui il termine di terapia ormonale sostitutiva.

Questa terapia, come attualmente sostengono tutte le società scientifiche, va presa in considerazione soltanto quando occorre.

La decisione se attuarla o meno deve naturalmente essere concordata con il proprio medico di fiducia, dopo averne valutato tutte le possibili controindicazioni in rapporto al suo reale beneficio, e soprattutto deve essere personalizzata sotto ogni aspetto.

Esistono anche altre terapie alternative a quella ormonale, che comunque vanno valutate caso per caso e sempre concordate con il proprio medico di fiducia.

IL SERVIZIO DI GINECOLOGIA DI AUXOLOGICO

Il servizio di Ginecologia di Auxologico si occupa della salute della donna in maniera completa e offre un approccio integrato multidisciplinare alla menopausa in collaborazione con endocrinologi, nutrizionisti, cardiologici ecc. 

L'attività ambulatoriale è diffusa su tutte le sedi lombarde di Auxologico.

L'ENDOCRINOLOGIA DI AUXOLOGICO

L’Endocrinologia e le Malattie del Metabolismo rappresentano un’area di eccellenza di Auxologico, che in questo campo svolge fin dalle sue origini una vasta e articolata attività clinica e scientifica ed è un punto di riferimento riconosciuto a livello internazionale in questo ambito.

Auxologico accompagna la donna durante i cambiamenti ormonali legati alla menopausa e alla menopausa precoce con un approccio multidisciplinare, volto anche all'acquisizione di corretti stili di vita e buone abitudini alimentari.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI