Chi siamo

RICERCA, CURA, PERSONE

Auxologico è una Fondazione no profit riconosciuta come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) dal 1972, con ospedali, poliambulatori e centri di ricerca in Italia (Lombardia, Piemonte, Lazio) e Romania (Bucarest).

Fin dalle sue origini nel 1958, Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione e ha come proprie esclusive finalità la ricerca scientifica e l’attività di cura dei pazienti.

Auxologico opera sia in regime di convenzione con il Sistema Sanitario Regionale sia in regime privato attraverso 16 strutture che lavorano in stretta sinergia per offrire le migliori opzioni diagnostiche e le cure più aggiornate ed efficaci ai circa 1.300.000 pazienti che ogni anno si rivolgono con fiducia a Auxologico.

Auxologico è una comunità di medici, ricercatori, tecnici, personale sanitario e amministrativo di oltre 2600 persone che ogni giorno mettono a disposizione il proprio impegno e la propria professionalità per la cura della persona. 

La mission di Auxologico è mettere a disposizione le cure sanitarie più aggiornate, efficaci e personalizzate, trasferendo i progressi della ricerca scientifica all'attività diagnostica e ospedaliera.

COSA SIGNIFICA "AUXOLOGICO"?

Il nome "Auxologico" fa riferimento all'origine della Fondazione e ai primi anni di attività clinico-scientifica.
L’Auxologia (dal greco auxo “accrescere”) è la disciplina che si occupa della crescita staturo-ponderale del bambino e dello sviluppo puberale e sessuale dell’adolescente.
Auxologico nasce infatti nel 1958 con l'Ospedale di Piancavallo per occuparsi della diagnosi e della cura dei disturbi della crescita  e dello sviluppo umano e delle principali malattie endocrino-metaboliche, assumendo anche un ruolo pionieristico nel trattamento dei nanismi ipofisari. 

DI COSA CI OCCUPIAMO

Dagli anni '70 l'interesse clinico-scientifico di Auxologico si è ampliato e comprende oggi le seguenti eccellenze riconosciute dalla comunità clinico-scientifica:

  • studio e cura delle malattie cerebro-cardiovascolari
  • studio e cura delle malattie neurodegenerative
  • studio e cura delle malattie endocrino-metaboliche
  • studio e cura delle malattie immunologiche e dell'invecchiamento.

Ampio spazio è dato alla chirurgia robotica e mini invasiva e alle indagini genetiche e molecolari. 

In queste aree Auxologico è in grado di offrire un'ampia e qualificata offerta di servizi per la prevenzione, la diagnosi, la terapia e la riabilitazione, con setting ambulatoriale e ospedalieri a seconda della complessità del caso clinico. 

    LA STORIA DI AUXOLOGICO

    La storia di Auxologico inizia nel 1958 con il "Centro Auxologico di Piancavallo" nell'allora provincia di Novara, la prima struttura in Italia dedicata ai nanismi ipofisari e alle anomalie della crescita dei bambini, un’area di ricerca in cui Auxologico ha svolto un importante e riconosciuto ruolo pionieristico.

    • Nel 1972 Auxologico ottiene, tra i primi in Italia, il riconoscimento di IRCCS. 
      L’attività scientifica e clinica si amplia poi verso vari aspetti dello sviluppo umano, con l’obiettivo di accompagnare l’individuo dal concepimento all’età matura, studiandone le anomalie e i processi degenerativi nei momenti della prevenzione, della cura e della riabilitazione, con particolare attenzione ai settori auxo-endocrino-metabolico, cardiovascolare, delle neuroscienze e delle patologie associate all’invecchiamento.
       
    • A partire dagli anni '90, la presenza di Auxologico si allarga su Milano dove, alla sede ambulatoriale e di Day Hospital di via Ariosto, si aggiungono quelle dell’Ospedale San Luca e del Centro di Ricerche e Tecnologie Biomediche a Cusano Milanino.
       
    • Dagli anni 2000 l’offerta sanitaria di Auxologico si arricchisce ulteriormente sul territorio milanese con la sede ospedaliera e di lungo degenza di via Mosè Bianchi e con l'acquisizione della Clinica San Carlo (oggi Auxologico Pier Lombardo) mentre, in area piemontese, ha inizio l’attività diagnostica e di ricerca di Villa Caramora, a Verbania.
       
    • In tempi più recenti, l’attenzione di Auxologico alla ricerca e alla cura del paziente si è ulteriormente rafforzata con l'acquisizione della Casa di Cura Capitanio (oggi Auxologico Capitanio) e con l’ampliamento dell’Ospedale San Luca, a Milano. A Meda, in provincia di Monza e Brianza, apre un nuovo centro diagnostico e di ricerca cui segue, dopo breve, quello di Pioltello.
       
    • Oggi, la vocazione per la ricerca e la cura di Auxologico si conferma con costanti investimenti in risorse umane, formazione, tecnologia e nuovi servizi, con l’obiettivo di dare risposte sempre più adeguate alla crescente domanda di salute da parte dei cittadini.