Cefalea e terapie non farmacologiche

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott. Stefano Messina

Responsabile Centro Cefalee - U.O. Neurologia e Stroke Unit - Auxologico San Luca

Dott.ssa Barbara Poletti

Responsabile Centro Neuropsicologia - U.O. Neurologia e Stroke Unit - Auxologico San Luca

CEFALEA E STATI EMOTIVI

Data l’evidenza clinica che fattori non solo organici, ma anche psico-emotivi, personologici e ambientali, possono contribuire all’insorgenza e al mantenimento della cefalea, il Centro Cefalee di Auxologico si avvale di un approccio multidisciplinare e interdisciplinare che integra i contributi dello psicologo, del neurologo e del neurofisiologo,mediante un’iniziale Valutazione Psicodiagnostica.

In alcuni casi infatti, pazienti con cefalea cronica tendono a una condizione di depressione o ansia, quali stati emotivi reattivi al dolore cronico e al perpetuarsi dello stato di malessere. Anche eventi di vita stressanti sono elencabili tra gli ulteriori fattori di rischio per la cronicizzazione della cefalea.

A volte, invece, accade il contrario: uno stato depressivo o il protrarsi di stati di tensione e ansia, soprattutto se non riconosciuti o trascurati, possono a un certo punto iniziare a esprimersi anche con il mal di testa. In alcuni casi, addirittura, la cefalea può essere l’unica spia che rivela la presenza di un disagio emotivo.

Ci sono, infine, situazioni nelle quali si verifica un’alternanza o una compresenza dei due sintomi (disagio emotivo e/o cefalea), senza un evidente nesso di causalità.

TERAPIA NON FARMACOLOGICA PER LA CEFALEA

Tra gli strumenti di Terapia Non Farmacologica per la Cefalea, Auxologico offre sia colloqui psicologici o di psicoterapia dedicati sia il Rilassamento Muscolare Progressivo.

I colloqui psicologici individuali, le tecniche di rilassamento muscolare progressivo e l'apprendimento di esercizi respiratori possono in alcuni casi ridurre l'utilizzo di farmaci specifici per la cefalea e limitare, pertanto, l'assunzione di ansiolitici e antidepressivi.

LA VALUTAZIONE PSICODIAGNOSTICA

Tramite il colloquio clinico e un eventuale assessment testistico specifico, lo psicologo inquadra il disagio psico-emotivo e comportamentale portato dal paziente e lo differenzia rispetto ai possibili fattori eziologici che vi concorrono.

Una finalità di rilievo della valutazione psicodiagnostica è quella di fornire indicazioni al tipo di trattamento, farmacologico e/o non farmacologico (colloqui psicologici/ psicoterapia e rilassamento muscolare progressivo).

Avere un’idea chiara in merito alla specifica situazione clinica può essere di grande aiuto per la terapia, evitando in molti casi di assumere un trattamento farmacologico non strettamente necessario o in eccesso.

COLLOQUI PSICOLOGICI E PSICOTERAPIA

I colloqui psicologici e la psicoterapia sono organizzati in cicli di 8 incontri.

Nell’ambito dei colloqui si avvia un lavoro di ascolto e di rielaborazione emotivo-cognitiva delle possibili dinamiche di connessione tra cefalea e difficoltà emotive (ansia, depressione, irritabilità, ecc.) che possono provocare alti livelli di stress, alimentando così la sintomatologia cefalalgica.

RILASSAMENTO MUSCOLARE PROGRESSIVO

Questa tecnica viene eseguita in gruppo, tendenzialmente in posizione supina, associata a una lenta attività respiratoria addominale.

Un ciclo di rilassamento muscolare progressivo consiste in 8 incontri di gruppo (max 6-8 persone) monosettimanali della durata di un'ora e mezza circa.

È un vero e proprio training, che ha come obiettivo quello di insegnare alla persona a riconoscere e a ridurre la tensione muscolare, nonché le altre manifestazioni fisiche che accompagnano generalmente gli episodi di cefalea, così come intensi periodi di stress e stati d’ansia.

Stress elevati e tensioni psico-fisiche possono essere fattori determinanti e/o perpetuanti la condizione di cefalea.

IL CENTRO CEFALEE DI AUXOLOGICO

Il Centro Cefalee di Auxologico si avvale di un'equipe di medici specialisti (neurologi, neurofisiologi, psicologi-psicoterapeuti) con competenze specifiche nell’ambito della cefalea per fornire adeguate risposte, a partire da un attento ascolto della storia clinica e attraverso la visita neurologica e l’eventuale ricorso a esami strumentali e di laboratorio mirati che permettono al medico di identificare il tipo di cefalea e di formulare una diagnosi precisa.
In tal modo risulta possibile tracciare un percorso terapeutico personalizzato avvalendosi delle molteplici competenze e specializzazioni dei medici che lavorano e collaborano all’interno del Centro Cefalee Auxologico.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI