Salta al contenuto principale

Cefalea a grappolo

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

  Cefalea a grappolo

Che cos’è la cefalea a grappolo?

La cefalea a grappolo è una forma di mal di testa molto intensa e localizzata, che si presenta in più attacchi ripetuti, riuniti “a grappolo” (in inglese cluster), che possono susseguirsi per settimane o mesi, intervallati da periodi di remissione, che possono durare anche anni.

Quando il periodo di remissione dura almeno un mese si parla di cefalea a grappolo episodica, mentre se è inferiore a un mese e con attacchi regolari che si verificano per più di un anno si parla di cefalea a grappolo cronica.

Non è pericolosa per la salute, ma può causare un dolore così intenso da peggiorare significativamente la qualità della vita e da essere riconosciuta come causa di invalidità (viene definita anche cefalea da suicidio).

Quali sono i sintomi?

La cefalea a grappolo tende ad avere sintomi molto riconoscibili, che si manifestano da un lato solo della testa. La cefalea a grappolo bilaterale è invece piuttosto rara. I disturbi insorgono all’improvviso e possono durare fino a tre ore.

Il dolore da cefalea a grappolo è molto intenso ed è definito come bruciante. Si concentra generalmente nella zona dell’occhio e della tempia, ma può irradiarsi anche verso il collo, la fronte, la mandibola.

Altri sintomi della cefalea a grappolo comprendono:

  • congestione nasale;
  • lacrimazione, talvolta palpebra cadente e restringimento della pupilla;
  • sudorazione e arrossamento del viso e dell’orecchio.

Inoltre, in caso di cefalea a grappolo la posizione coricata, che dà sollievo in alcune forme di emicrania, non giova, ma al contrario per alleviare il dolore si sente il bisogno di camminare e muoversi.


Cause e fattori di rischio

L’eziologia di questa forma di mal di testa non è ancora nota. È stato però ipotizzato che tra le cause della cefalea a grappolo rientri un malfunzionamento dell’ipotalamo, una struttura dell’encefalo che regola il ritmo sonno-veglia, la temperatura corporea, la pressione sanguigna, il rilascio di ormoni.

La cefalea a grappolo colpisce più spesso gli uomini rispetto alle donne, e l’esordio è più frequente tra i 20 e i 40 anni, anche se può presentarsi a qualsiasi età. Non è certo che la cefalea a grappolo sia ereditaria, ma alcuni studi sembrano convalidare l’ipotesi che la familiarità sia un fattore di rischio, così come il fumo.

Vi sono alcune cause scatenanti degli attacchi di cefalea a grappolo nei soggetti predisposti, come per esempio:

  • il consumo di alcol;
  • l’esposizione a odori intensi e pungenti (profumi, sostanze chimiche);
  • temperature elevate;
  • attività fisica;
  • un intenso stress emotivo.

Guarda la diretta Auxolive sull'emicrania!


Come riconoscere la cefalea a grappolo?

La specificità dei sintomi della cefalea a grappolo rende la diagnosi semplice. I criteri diagnostici prevedono che si manifestino almeno 5 attacchi caratterizzati da:

  • dolore severo, unilaterale, nella zona oculare della durata compresa tra 15 e 180 minuti senza trattamento;
  • dolore associato a sensazione di irrequietezza o agitazione e/o ad almeno uno dei seguenti 8 sintomi: iniezione congiuntivale, lacrimazione, ostruzione nasale, rinorrea, sudorazione facciale, miosi (diminuzione del diametro della pupilla), ptosi (abbassamento) palpebrale, edema palpebrale;
  • frequenza degli attacchi compresa tra 1 episodio ogni 2 giorni e 8 episodi al giorno, nella fase in cui la patologia è attiva.

Talvolta il medico può prescrivere esami diagnostici come la risonanza magnetica per escludere altre cause della cefalea.

Come si cura?

Non esiste una terapia per la cefalea a grappolo in grado di curare definitivamente la patologia, ma ci sono delle opzioni di trattamento che, se usate tempestivamente, possono alleviare i sintomi degli attacchi. Queste comprendono l’uso di farmaci da somministrare con iniezioni sottocutanee o spray nasali e la cura con ossigeno (ossigenoterapia) che richiede l’uso di una maschera facciale.

Per quanto riguarda le cure alternative, in alcuni studi l’agopuntura è stata in grado di alleviare il dolore della cefalea a grappolo. Non è stata invece dimostrata l’efficacia di rimedi naturali a base di erbe.

I problemi legati allo stress


È possibile prevenire la cefalea a grappolo?

La cefalea a grappolo non si può prevenire. È disponibile però una terapia preventiva (profilassi) con alcuni farmaci da assumere ai primi sentori dell’attacco per prevenire episodi successivi e ottenere così la conclusione della “fase di grappolo”. Fra le terapie profilattiche sono allo studio anche anticorpi monoclonali.

Inoltre, è bene evitare il più possibile i fattori che favoriscono lo scatenarsi degli attacchi.


Il Centro Cefalee di Auxologico

Il Centro Cefalee di Auxologico si avvale di un'equipe di medici specialisti (neurologi, neurofisiologi, psicologi-psicoterapeuti) con competenze specifiche nell’ambito della cefalea per fornire adeguate risposte, a partire da un attento ascolto della storia clinica e attraverso la visita neurologica e l’eventuale ricorso a esami strumentali e di laboratorio mirati che permettono al medico di identificare il tipo di cefalea e di formulare una diagnosi precisa.
In tal modo risulta possibile tracciare un percorso terapeutico personalizzato avvalendosi delle molteplici competenze e specializzazioni dei medici che lavorano e collaborano all’interno del Centro Cefalee Auxologico.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).