Salta al contenuto principale

Coronavirus e Vitamina D

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Prof. Iacopo Chiodini

Responsabile Centro Diabetologia

Responsabile Centro Osteoporosi - Milano

Responsabile Centro Malattie del Metabolismo Osseo e Diabete - U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo - San Luca - Auxologico San Luca

Prof. Luca Persani

Direttore U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo - San Luca - Auxologico San Luca

Direttore Centro Diabetologia

Direttore Centro Ambulatoriale Obesità

Direttore Centro Tiroide

Direttore Centro Malattie del Metabolismo Osseo e Diabete

Direttore Centro Disordini della Riproduzione e dello Sviluppo Puberale

CORONAVIRUS E VITAMINA D: C'È UNA RELAZIONE?

Si sono diffuse molte voci a riguardo, ma è importante sottolineare che al momento non è stata verificata scientificamente nessuna relazione tra vitamina D e Coronavirus: ci sono solo ipotesi. Non si sa ancora inoltre se la carenza di vitamina D renda più esposti al coronavirus e ai suoi effetti negativi.

È riconosciuto invece che l’ipovitaminosi D (la carenza di vitamina D) sia associata a un aumento delle infezioni in generale, anche virali, e che la supplementazione con vitamina D riduca le infezioni delle alte e basse vie aeree.

ASSUMERE VITAMINA D PUÒ ESSERE CONSIDERATA UNA STRATEGIA DI PREVENZIONE DEL SARS COV 2?

Alla luce di quanto appena detto potrebbe: ma prima di affermarlo con certezza, dovrebbe essere dimostrato da studi che almeno verifichino un’associazione tra ipovitaminosi D e il nuovo coronavirus.

ISOLAMENTO: COME BILANCIARE LA MANCATA ESPOSIZIONE ALLA LUCE SOLARE?

È quasi impossibile con la sola dieta controbilanciare l’ipovitaminosi D da ridotta esposizione alla luce solare: è necessario che, accertato lo stato di ipovitaminosi o nei soggetti a rischio di ipovitaminosi D, venga fatta una supplementazione per via orale, come raccomandato dalla attuale nota AIFA 96.

QUALI SONO LE RACCOMANDAZIONI GENERALI PER LA POPOLAZIONE?

È importante cercare di passare tempo all’aria aperta (almeno 30-60 minuti al giorno) ed eventualmente, in caso di reale ridotta esposizione, assumere supplementi di vitamina D almeno nei mesi invernali

Secondo la nota AIFA 96 possono assumere vitamina d, dietro consiglio del medico: "persone istituzionalizzate, donne in gravidanza o in allattamento, persone affette da osteoporosi da qualsiasi causa o osteopatie accertate non candidate a terapia remineralizzante (vedi nota 79), persone con livelli sierici di 25OHD < 20 ng/mL e sintomi attribuibili a ipovitaminosi (astenia, mialgie, dolori diffusi o localizzati, frequenti cadute immotivate), persone con diagnosi di iperparatiroidismo secondario a ipovitaminosi D, persone affette da osteoporosi di qualsiasi causa o osteopatie accertate candidate a terapia remineralizzante per le quali la correzione dell’ipovitaminosi dovrebbe essere propedeutica all’inizio della terapia; una terapia di lunga durata con farmaci interferenti col metabolismo della vitamina D; malattie che possono causare malassorbimento nell’adulto”.

MALATTIE METABOLICHE CHE ESPONGONO AL COVID-19

Fra le malattie metaboliche, al di là della ipovitaminosi D, esistono altre condizioni che espongono a un rischio maggiore di evoluzione negativa della malattia COVID-19.

Tra queste ricordiamo le più importanti:

  • l'ipercortisolismo endogeno o esogeno (cioè assunzione di elevate dosi di corticosteroidi) per l'azione immuno-soppressiva;
  • l'ipertiroidismo grave o non controllato per il rischio di scompenso cardio-circolatorio;
  • il diabete mellito e l'obesità per il rischio aumentato di infezioni e conseguenze cardio-vascolari.

LEGGI ANCHE: COMPLICANZE DEL COVID-19 NEI PAZIENTI CON MALATTIE ENDOCRINE

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS

Articolo del 29/04/2020, revisionato il 30/04/2020.


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).