Salta al contenuto principale

Fistola anale

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

  Fistola anale

CHE COS’È UNA FISTOLA ANALE?

La fistola anale è un sottile canale di comunicazione che collega il canale anale alla superficie cutanea intorno all’ano. Nell’ano sono presenti alcune piccole ghiandole che possono infettarsi, creando un ascesso che nella fase acuta si risolve con la fuoriuscita di pus mediante la formazione di un canale di drenaggio (la fistola).

QUALI SONO I SINTOMI DI UNA FISTOLA ANALE?

I sintomi di una fistola anale possono comprendere:

  • dolore nella zona anale, che si intensifica con il movimento, tossendo, durante l’evacuazione delle feci o quando si sta seduti;
  • arrossamento, gonfiore e prurito della pelle intorno all’ano;
  • sanguinamenti e perdita di pus dalla fistola;
  • febbre e sensazione di malessere generale;
  • incontinenza fecale.

QUALI SONO LE CAUSE DI UNA FISTOLA ANALE? CHI È PIÙ A RISCHIO?

La maggior parte delle fistole anali si sviluppa come conseguenza di un ascesso. Ascesso e fistola anale sono causati da un’infezione delle piccole ghiandole presenti nel canale anale, che può essere provocata da batteri fecali o da altri patogeni che penetrano nella mucosa.

Alcune patologie che colpiscono il tratto digestivo inferiore o la zona anale possono aumentare il rischio di formazione di una fistola anale, come la colite, il morbo di Crohn, la diarrea cronica, la diverticolite. Altre cause della fistola anale possono essere la tubercolosi, l’idrosadenite suppurativa (una patologia infiammatoria dermatologica), un tumore dell’ano e la radioterapia.

Infine, la lesione può sopraggiungere come complicazione di un intervento di chirurgia colo-rettale.

COME VIENE DIAGNOSTICATA UNA FISTOLA ANALE?

Il medico può diagnosticare la fistola anale esaminando l’area intorno all’ano e con un esame rettale digitale.

Per valutare il tragitto fistoloso e il tipo di intervento più appropriato possono essere necessari alcuni accertamenti, come, per esempio, l’ecografia endoanale, la manometria ano-rettale e la risonanza magnetica.

COME CURARE UNA FISTOLA ANALE?

La cura della fistola anale è quasi sempre chirurgica, poiché raramente la fistola può guarire naturalmente o con una terapia farmacologica. Lo scopo dell’intervento è di eliminare la fistola senza intaccare la funzionalità dello sfintere anale (in caso contrario potrebbero verificarsi problemi di incontinenza fecale).

L’intervento varia a seconda del percorso anatomico della fistola, della sua posizione e del grado di coinvolgimento del muscolo dello sfintere anale.

In caso la fistola coinvolga solo in minima parte lo sfintere anale, l’operazione consiste generalmente nell’incisione della fistola (fistulotomia) lungo tutta la sua lunghezza, in modo da consentirne la “messa a piatto” (trasformando il tunnel in una ferita aperta) e favorirne la guarigione.

In presenza invece di una maggior coinvolgimento dei muscoli dello sfintere anale, può essere necessario procedere con l’inserimento di un setone, un grosso filo sintetico inserito nella fistola che ne consente l’apertura e il drenaggio e permette di “sezionare” lentamente i muscoli dello sfintere anale coinvolti senza comprometterne la funzionalità.

Altre tecniche utilizzate per salvaguardare l’efficienza del muscolo dello sfintere sono la legatura intersfinterica del tragitto fistoloso (LIFT) e la fistulectomia mininvasiva videoassistita (VAAFT), che consente di cauterizzare e ripulire la fistola.

La chirurgia della fistola è generalmente in day hospital, salvo che le ramificazioni della fistola siano molto estese o profonde.


LA U.O. DI CHIRURGIA GENERALE DI AUXOLOGICO

L’attività clinica di Chirurgia Generale di Auxologico è rivolta alla diagnosi e al trattamento chirurgico per tutte le patologie di interesse chirurgico.

I chirurghi utilizzano le tecniche chirurgiche più moderne e sicure, utilizzando sia procedure tradizionali sia tecniche mini-invasive che consentono di avere un minor trauma chirurgico e tempi di recupero più veloci per il paziente. 

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Articolo realizzato in collaborazione con Clorofilla.


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

18 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
18 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).