Salta al contenuto principale

Il colon irritabile: quello che devi sapere per vivere meglio

Tariffa SSN

Richiedi prenotazione

Tariffe Smart, Plus e Convenzioni

Prenotazione diretta

Pubblicato il 07/11/2017 - Aggiornato il 22/02/2024

Queste informazioni non sostituiscono in alcun modo il colloquio con il tuo medico di fiducia.

Colpisce addirittura 1 italiano su 5, in prevalenza donne, e nei casi più gravi può condizionare profondamente la vita quotidiana di chi ne soffre: è il colon irritabile (chiamato  anche colite).

Dott.ssa Marzia Rossi

Staff Servizio Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva

Che cos'è il colon irritabile?

Il colon irritabile, chiamato in modo più generico colite spastica o colite nervosa, è caratterizzato da dolore o fastidio addominale e alterazioni dell’alvo. È molto frequente, più diffuso tra il genere femminile e spesso peggiora la qualità della vita di chi ne soffre.

Quali sono i sintomi?

Per parlare di colon irritabile, il dolore addominale deve presentarsi in modo ricorrente, con una cadenza di uno o più episodi alla settimana negli ultimi 3 mesi e con almeno due delle seguenti caratteristiche:

  • essere alleviato dall’evacuazione;
  • associarsi ad alterazioni della frequenza dell’alvo;
  • associarsi ad alterazioni della consistenza delle feci.

A supporto della diagnosi, inoltre è frequente riscontrare:

  • muco nelle feci (mucorrea);
  • meteorismo e senso di distensione addominale;
  • urgenza o sforzo all’ evacuazione.

Il colon irritabile non comporta la presenza di sangue nelle feci. Questo segno pertanto potrebbe essere correlato ad altre patologie, come la rettocolite ulcerosa, polipi, emorroidi o tumori.

Spesso i sintomi del colon irritabile sono presenti insieme ad altri disturbi gastro-intestinali anche del tratto digestivo superiore come il reflusso gastro-esofageo e la dispepsia, a intolleranze alimentari, come quella più comune al lattosio o ad altre malattie inclusa la celiachia.

In molti casi chi ne soffre li riferisce da lungo tempo altre volte ne correla l’insorgenza a eventi emotivi o fisici molto stressanti, a gastroenteriti o a pregresse terapie antibiotiche.

Quali sono le cause?

Non esiste una singola causa che determini il colon irritabile, ma sono alcuni i fattori coinvolti che possono in misura differente rendersene responsabili.

Si può genericamente distinguere tra fattori propriamente “intestinali” e quelli “extra intestinali".

Tra i primi troviamo alterazioni di:

  • motilità intestinale;
  • sensibilità viscerale;
  • microbiota;
  • fattori ormonali.

Tra quelli esterni:

  • lo stress emotivo gioca un ruolo importante; è ormai comune la definizione di intestino come secondo cervello, correlazione ben riassunta nel termine “asse cervello-intestino”;
  • l’alimentazione;
  • lo stile di vita di vita.

Come si diagnostica?

La diagnosi di colon irritabile è una diagnosi di esclusione, in cui gli accertamenti eseguiti non mostreranno alterazioni riconducibili ad alcuna patologia.

In presenza dei sintomi, occorre innanzitutto parlare col proprio medico di base e quindi con lo specialista gastroenterologo e potranno essere prescritti:

  • esami del sangue (compreso lo screening per la celiachia);
  • esami delle feci;
  • breath test al lattosio e per la sovracrescita batterica;
  • ecografia addominale e delle anse intestinali;
  • colonscopia.

Qualche trucco per (con)vivere meglio

Per la variabilità dei sintomi e dei fattori scatenanti il colon irritabile, non esiste una cura che possa essere considerata standard ed è pertanto importante valutare ogni singolo caso e intervenire sui sintomi. Sotto consiglio medico, possono essere intraprese terapie farmacologiche a base di antispastici, procinetici o antidepressivi; e di probiotici che andranno a riequilibrare il microbiota, avendo un effetto benefico sulla salute dell’intestino. Le alterazioni dell’alvo possono essere corrette mediante anti-diarroici o integratori ricchi di fibre e lassativi osmotici a seconda che prevalga la diarrea o la stipsi.

E’ importante seguire corrette norme alimentari dedicando un tempo adeguato al pasto, masticando a lungo, non coricandosi subito dopo aver mangiato;

La dieta influisce in maniera sostanziale sul colon irritabile e va personalizzata. Non sempre infatti lo stesso alimento crea disturbi. Tra i cibi che più comunemente evocano i sintomi rientrano:

  • grano;
  • latte e latticini;
  • legumi;
  • alcuni tipi di frutta e verdura;
  • frutta secca;
  • bevande gassate. 

Anche nell’ ambito della salute intestinale l’attività fisica come una camminata di mezz’ora a passo veloce ogni giorno è fondamentale e sufficiente per garantire effetti benefici.

FODMAP, la dieta contro il colon irritabile


Gastroenterologia ed endoscopia digestiva in Auxologico

Il Servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Auxologico offre un servizio completo per la prevenzione, la diagnosi e la cura degli organi dell'apparato digerente: esofago, stomaco, intestino tenue, colon e retto.

Il Servizio opera nelle sedi di Lombardia e Piemonte, dove è possibile effettuare la visita specialistica gastroenterologica e accedere agli esami diagnostici gastroenterologici.

SCOPRI IL SERVIZIO


Prenota una visita gastroenterologica

Richiesta SSN Plus, Smart, Convenzioni Al Telefono/Allo Sportello


Vuoi saperne di più? Guarda l'evento on line