Salta al contenuto principale

La paura di parlare in pubblico

Pubblicato il 27/03/2018 - Aggiornato il 04/04/2018

Dott.ssa Elisa Pedroli

La platea è lì davanti a te, immobile e attenta, pronta per il tuo discorso.

Mentre ti avvicini al palco, le mani cominciano a sudare, il tuo volto arrossisce e la voce si fa tremante. Infine ecco i crampi intestinali e la sensazione che l'aria venga a mancare.

Insomma, sembra che al momento di parlare in pubblico il corpo non voglia proprio collaborare: se i sintomi sono persistenti, può trattarsi di un disturbo d'ansia sociale.

La buona notizia è che questo tipo di fobia si può curare!

LA PAURA DI PARLARE IN PUBBLICO

Sono molti i timori che potrebbero venire a una persona che si appresta a parlare davanti ad altri: si teme di fare brutte figure, di bloccarsi o di non ricordare quello che si dovrebbe dire, di rovinarsi l’immagine o la reputazione.

Probabilmente molti di noi non dovranno mai affrontare una situazione in cui saranno costretti a parlare davanti ad un pubblico; ma cosa succederebbe se il nostro lavoro dovesse richiederlo? O semplicemente se si dovesse affrontare un colloquio di lavoro?

A volte è possibile riuscire a superare la paura autonomamente, altre volte è la paura a fermare noi. In questo caso la paura diventa patologica ed è necessario chiedere aiuto ad uno specialista.

QUANDO LA PAURA DIVENTA FOBIA

La paura di parlare in pubblico diviene quindi una vera e propria fobia, ed è inserita all’interno dei disturbi d’ansia sociale.

I tipici sintomi del Disturbo d’Ansia Sociale sono:

  • La presenza di paura o ansia marcate verso specifiche situazioni sociali nelle quali il soggetto potrebbe essere giudicato;
  • l’individuo teme che metterà in atto dei comportamenti che potranno essere valutati negativamente;
  • le situazioni sociali temute provocano quasi invariabilmente paura o ansia;
  • vengono messe in atto strategie di evitamento nei confronti delle situazioni temute;
  • la paura o l’ansia sono sproporzionate rispetto alla reale minaccia;
  • i sintomi sono persistenti e durano almeno 6 mesi.

VINCERE LA PAURA DI PARLARE IN PUBBLICO

Ci sono molti siti internet che spiegano come vincere la paura in poche e facili mosse ma queste non sempre sono sufficienti.

Diversi studi scientifici hanno evidenziato come il miglior regime di trattamento sia la terapia cognitivo-comportamentale e la terapia cognitivo comportamentale di gruppo, una famiglia di tecniche psicosociali e strategie volte a modificare le cognizioni distorte e comportamenti disadattivi.

Un aspetto importante è tenere a bada le risposte fisiologiche che si attivano quando siamo in procinto di parlare davanti ad una platea.

Tecniche di respirazione e di biofeedback possono aiutare in questo senso. Aggiungere a queste una terapia di esposizione guidata da uno psicoterapeuta può aumentare notevolmente le chance che il trattamento abbia successo.

In una realtà che cambia così velocemente, e si muove a suon di bit, anche la prospettiva di cura cambia: la realtà ospedaliera utilizza sempre più strumenti di tipo tecnologico, con lo scopo di integrare tecniche attestate e nuovi strumenti che possono migliorare e facilitare i risultati attesi.

SUPERARE LA PAURA DI PARLARE IN PUBBLICO CON LA REALTÀ VIRTUALE

L’Istituto Axologico Italiano, utilizza il CAVE e la realtà virtuale, integrando tecniche di esposizione e biofeedback per la cura del disturbo d’ansia di parlare in pubblico.

COME ACCEDERE

L'accesso è subordinato a una visita psicologica.

Le prestazioni vengono erogate presso il CAVE di Auxologico Mosè Bianchi 
martedì e giovedì dalle 9.00 alle 11.00 e dalle 15.00 alle 17.00.

Le sedute di terapia sono erogate solamente in regime privato, con un costo di 150 euro.

Per maggiori informazioni è possibile scrivere a cave@auxologico.it

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

17 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
17 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).