Salta al contenuto principale

L'estate e gli ormoni

Pubblicato il 16/06/2017 - Aggiornato il 02/08/2021

Dott.ssa Stefania Bonadonna

Staff U.O. Endocrinologia e Malattie del Metabolismo - San Luca - Auxologico San Luca

L’estate permette, alle nostre latitudini, l’esposizione alla luce solare.

Già gli antichi romani conoscevano il valore terapeutico della luce solare: proprio Apollo, Dio della medicina, attraversava il cielo durante la giornata a bordo di un carro che trasportava il sole.

La luce è fonte di vita per tutto il mondo, sia animale che vegetale, con modifiche fisiologiche che si accompagnano all’alternanza delle stagioni. La letteratura medica ha scientificamente dimostrato che esiste una forte variazione ormonale durante l’anno, con una cadenza che regola i nostri ritmi biologici.

ORMONI E STAGIONI

Durante l’inverno si osserva una maggiore produzione di cortisolo, ormone che favorisce l’accumulo di grasso corporeo. Questo processo ha una duplice funzione: agisce come isolante dal freddo ma anche come riserva energetica.

Nei mesi estivi, invece, i livelli di cortisolo si abbassano notevolmente. La luce solare attiva la trasformazione del colesterolo in vitamina D,  ormone della crescita e testosterone. Si va quindi incontro a un picco di secrezione degli altri ormoni anabolici, in particolare di ormone della crescita (GH) e di testosterone, ormoni che favoriscono lo smaltimento del grasso in eccesso, e che aumentano la performance fisica, la vitalità, la creatività, l’energia e, in particolare il testosterone oltre ad aumentare il desiderio sessuale.

LA VITAMINA D E L’ABBRONZATURA

Non meno importante è la produzione di vitamina D a livello cutaneo, processo attivato dall’esposizione alla luce solare, in particolare dalle radiazioni UVB. Mezz’ora di esposizione alla luce solare in costume da bagno permette una produzione di circa 50000 Unità Internazionali di vitamina D al giorno, pari al fabbisogno giornaliero consigliato.

La colorazione della cute, cioè l’abbronzatura, serve poi come sistema di autoregolazione dell’organismo: l’aumento dell’abbronzatura riduce la produzione di vitamina D. La funzione primaria della vitamina D è quella di mantenere stabili i livelli di calcio e fosforo nel sangue, così da sostenere numerose attività metaboliche e neuromuscolari e permettere una corretta mineralizzazione delle ossa. Negli ultimi anni si sono studiati gli effetti extra-scheletrici della vitamina D, in particolare l’effetto benefico di questo ormone sul cuore, sui processi infiammatori e di autoimmunità e sull’attività muscolare.

Valori soddisfacenti di Vitamina D inducono miglioramento dell’equilibrio e della forza muscolare soprattutto negli anziani che sono i soggetti maggiormente carenti. Presso il Centro Osteoporosi di Auxologico ci occupiamo da anni di valutare soggetti a rischio di deficit vitaminico e quindi predisposti ad andare incontro a malattie ossee quali osteomalacia e osteoporosi.

LA LUCE CONDIZIONA L’UMORE

Infine, la luce solare ha anche un’attività diretta sulla produzione di neurotrasmettitori a livello cerebrale, aumentando la produzione di serotonina, che ha un effetto antidepressivo e stimolante, abbassa i livelli di stress e induce miglioramento del tono dell’umore (infatti molti farmaci antidepressivi sono stimolatori della produzione di serotonina).

La serotonina è inoltre il precursore della melatonina, ormone che regola il ritmo sonno-veglia. Bisogna ricordare che gli esseri umani sono creature diurne, programmati per vivere all’aperto nelle ore in cui il sole splende e chiusi in casa nelle ore notturne. La produzione di melatonina avviene nelle ore buie e si interrompe con l’esposizione ottica alla luce del giorno. Recenti studi hanno documentato come l’esposizione mattutina alla luce solare induca una maggiore produzione serale della melatonina con miglior facilità all’addormentamento, miglior qualità del sonno ed effetti benefici anche sulla sindrome premestruale e disturbi d’ansia. Occorre poi ricordare che la melatonina svolge un ruolo importante anche nel contrastare fenomeni infettivi, infiammatori e in generale nell’autoimmunità.

In aggiunta a quanto detto, concorre il beneficio dato dalle vacanze dallo studio e dall’attività lavorativa!

LA U.O. DI ENDOCRINOLOGIA E MALATTIE DEL METABOLISMO DI AUXOLOGICO

L'Unità Operativa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo è specializzata nel trattamento delle malattie endocrine.

Dispone di un team multispecialistico E Partecipa alle attività di ricerca scientifica del Laboratorio Sperimentale di Ricerche sull'Obesità di Auxologico, con benefici diretti per i pazienti.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

17 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
17 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).