Centro Neuroftalmologia ed Elettrofisiologia Oculare

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Centro Neuroftalmologia ed Elettrofisiologia Oculare

Il Centro di Neuroftalmologia ed Elettrofisiologia Oculare di Auxologico è una realtà clinica unica in Italia che opera in stretta collaborazione con altre discipline, dalla neurologia alla endocrinologia, fino alla genetica clinica.

L'attività clinica è sinergica con quella del Laboratorio Sperimentale di Ricerche Oftalmologiche e Neuroftalmologiche di Auxologico, la cui attività è indirizzata a progetti di ricerca nell'ambito della diagnosi e della cura delle principali patologie neuroftalmologiche e alla collaborazione all'interno di avanzati trial terapeutici.

La neuroftalmologia si occupa delle malattie che interessano le strutture neurologiche del sistema visivo, dalla retina al nervo ottico fino alle aree cerebrali.
Il neuroftalmologo identifica la causa e il trattamento di disturbi visivi che spesso sono di difficile inquadramento, quali scotomi, difetti periferici del campo visivo o emianopsie, perdita della visione dei colori, diplopia, disturbi dei movimenti oculari, esoftalmo e ptosi palpebrale o anisocoria.

La valutazione neuroftalmologica comprende un esame clinico specifico che include l’analisi computerizzata del campo visivo e la quantificazione mediante OCT (Tomografia Ottica a Radiazione Coerente) dello spessore delle fibre nervose e delle strutture cellulari o vascolari della retina e del nervo ottico.

DIAGNOSTICA STRUMENTALE

Durante la fase diagnostica vengono eseguiti esami strumentali per la valutazione integrata funzione-struttura, in particolare la perimetria automatizzata standardizzataSpectral Domain OCT per l’analisi delle fibre nervose retiniche e delle cellule ganglionari retiniche e Angio-OCT per la quantificazione della vascolarizzazione del nervo ottico e degli strati retinici maculari.

Il Centro si occupa dell’esecuzione e dell’interpretazione di esami di Elettrofisiologia Oculare integrati con Imaging del Segmento Posteriore, per l'inquadramento clinico e il monitoraggio di patologie del nervo ottico e della retina, ereditarie o acquisite:

  • Elettroretinogramma full field (ffERG): valuta la funzione del sistema scotopico e fotopico della retina (coni e bastoncelli);
  • Elettroretinogramma multifocale (mfERG): registra la risposta dei coni maculari;
  • Elettroretinogramma con stimolazione cromatica (ERG cromatico): S-cone ERG, ON and OFF ERG e Photopic negative Response ERG) isolano la risposta dei differenti tipi di coni maculari, del sistema delle cellule bipolari, delle cellule ganglionari retiniche e della retina interna;
  • Elettrooculogramma (EOG): analizza la funzione dell’epitelio pigmentato retinico;
  • Elettroretinogramma da pattern (PERG): misura la risposta delle cellule ganglionari retiniche e dei coni maculari;
  • Potenziali Evocati Visivi (PEV pattern e PEV flash) registrano la conduzione dello stimolo visivo lungo il nervo ottico e la risposta delle aree cerebrali dedicate alla visione;
  • Imaging del Segmento Posteriore: retinografia a colori e aneritra, autofluorescenza in luce blu e Near Infra-Red, SD-OCT Spectralis).

PERCORSI MULTIDISCIPLINARI

L’attività clinica neuroftalmologica si basa su una maturata e consolidata interazione interdisciplinare; patologie sistemiche o neurologiche si possono infatti manifestare con sintomi e segni a carico del sistema visivo quale prima, e a volte unica, manifestazione clinica.
La collaborazione con specialisti in neurologia, neuroradiologia, neurochirurgia, riabilitazione neuromotoria, neuropsicologia, immunologia, endocrinologia e genetica molecolare e clinica è fondamentale per il corretto inquadramento diagnostico, l’adeguata gestione terapeutica e il monitoraggio di patologie complesse e spesso di difficile diagnosi. 

Percorsi diagnostici e terapeutici proposti in attività multidisciplinare integrata a livello ambulatoriale sono:

  • Centro Orbitopatia associata a patologia tiroidea, in collaborazione con l'Unità Operativa di Endocrinologia e Malattie del Metabolismo dell'Ospedale San Luca, prevede la visita neuroftalmologica per la definizione degli aspetti clinici di coinvolgimento delle strutture della regione orbitaria, la visita endocrinologica per l’inquadramento e la gestione terapeutica della disfunzione della tiroide e la valutazione oftlamoplastica per eventuale trattamento chirurgico decompressivo o palpebrale;
     
  • Ambulatorio patologie retiniche ereditarie, in collaborazione con il Servizio di Genetica Medica e il Laboratorio di Genetica Molecolare, dedicato all’inquadramento delle distrofie retiniche di origine genetica, comprende una visita neuroftalmologica integrata da esami di elettrofisiologica oculare e una consulenza genetica che indirizza all'analisi molecolare specifica per l’identificazione di geni associati a Retinite pigmentosa, Sindrome di Usher, Distrofia dei coni, Malattia di Stargardt, Malattia di Best, Retinoschisi X-linked, Acromatopsia, Cecità notturna stazionaria congenita, Enhanced S-cone syndrome, Coroideremia, Malattia Stargardt like, Retinite puntata albescente;
     
  • Ambulatorio per lo screening della retinopatia da idrossiclorochina: alla visita neuroftalmologica viene affiancata l’esecuzione di mfERG e di Imaging del Segmento Posteriore per la valutazione funzionale e morfologica della retina, approccio indispensabile come strumento di monitoraggio in corso terapia con idrossiclorochina;
     
  • Ambulatorio per la riabilitazione di emianopsia omonima, in collaborazione con il Centro di  Neuropsicologia dell'Ospedale San Luca, prevede la valutazione neuroftalmologica completa con esami strumentali finalizzati alla precisa localizzazione e quantificazione del difetto visivo allo scopo di avviare il paziente a un percorso riabilitativo in ambito ortottico e neuropsicologico specifico e personalizzato.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Segreteria: 02 58218505 | neuroftalmologia@auxologico.it 

A
Alterazioni del campo visivo
Anisocoria (midriasi e miosi)
Anomalie dell’attività pupillare
D
Diplopia
Distrofie retiniche ereditarie
Disturbi dei movimenti oculari,
Drusen nervo ottico
E
Emianopsia omonima
Enoftalmo
Esoftalmo
G
Glioma cerebrale
Glioma del nervo ottico
M
Malattie del sistema nervoso centrale a eziologia vascolare, ereditaria, metabolica, degenerativa, demielinizzante e disimmune
Malattie della retina neurosensoriale
Malformazioni congenite del nervo ottico
Meningioma della guaina del nervo ottico
Miastenia oculare
N
Neurite ottica demielinizzante
Neurite ottica immunomediata
Neuropatia ottica carenziale
Neuropatia ottica compressiva
Neuropatia ottica ereditaria (forma di Leber e forma autosomico dominante - OPA1)
Neuropatia ottica ischemica (arteritica e non arteritica)
Neuropatia ottica tossica
Neuropatia ottica traumatica
Nistagmo
O
Orbitopatia associata a patologia tiroidea
P
Papilledema
Paralisi dei nervi cranici
Patologie del chiasma ottico e della regione ipofisaria
Patologie della motilità oculare coniugata
Patologie delle vie ottiche retrochiasmatiche
Perdita della visione dei colori
Pseudotumor Cerebri (ipertensione intracranica idiopatica)
Ptosi palpebrale
S
Scotomi
Spasmo emifacciale
Strabismo paralitico
T
Tumori cerebrali
Tumori del nervo ottico
Tumori della regione ipofisaria

Elettroretinogramma multifocale [mfERG]

Elettroretinogramma [ERG da flash, ffERG]

Elettroretinogramma con stimolazione cromatica [ERG cromatico]

Elettrooculogramma [EOG]

Elettroretinogramma da pattern [PERG]

Potenziali Evocati Visivi (PEV pattern e PEV flash)

Imaging del Segmento Posteriore

Spectral Domain OCT (RTVUe Optovue)

Angio-OCT (XE Avanti Optovue)

Sede ospedaliera

Auxologico Capitanio

Ospedale - Poliambulatorio - Punto Prelievi - Ricerca Clinica

Via Mercalli, 28
Milano

Telefono: 02 583891

VAI ALLA SEDE