Visita ortopedica

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

 Visita ortopedica

Testo a cura de Il Pensiero Scientifico Editore

A COSA SERVE LA VISITA ORTOPEDICA?

La visita ortopedica è una visita non invasiva e indolore eseguita dallo specialista dell’apparato locomotore: l’ortopedico.
Durante questa visita si valuta lo stato di salute dell’intero apparato (ossa, articolazioni, muscoli).

Durante questa visita lo specialista esamina l’apparato muscolo-scheletrico del paziente, dapprima focalizzandosi sul problema lamentato dal paziente e le regioni in esso coinvolte, e successivamente esaminandolo in maniera globale.

La patologie di più frequente riscontro sono: artriti e artrosi, problemi ai menischi (soprattutto nei giovani che praticano il calcio come sport), lesioni ai legamenti crociati e alla cuffia dei rotatori, sindrome del tunnel carpale (che colpisce generalmente soggetti che utilizzano le mani per lavori di precisione), il neuroma di Morton, la fascite plantare e la sindrome da compressione del nervo ulnare.

QUANDO EFFETTUARE UNA VISITA ORTOPEDICA

Le cause più comuni che spingono i pazienti a chiedere il consulto di un ortopedico sono:

  • dolori ossei articolari; 
  • dolori muscolari (continui o circoscritti ad alcuni movimenti);
  • traumi (traumi molto comuni sono la lussazione della spalla, le fratture ossee e le lesioni dei legamenti).

COME SI SVOLGE?

Come tutte le visite mediche, anche la visita ortopedica comincia con il colloquio tra il medico e il paziente (anamnesi), utile allo specialista per conoscere:

  • il motivo per cui il paziente si è presentato alla sua osservazione;
  • i sintomi manifestati;
  • le eventuali patologie correlate;
  • lo stato di salute dei familiari più prossimi, che può essere importante per la diagnosi di patologie degenerative a trasmissione familiare; 
  • l’attività lavorativa svolta (se di tipo sedentario);
  • l’attività sportiva praticata (molte patologie ortopediche sono correlate all’utilizzo di determinati distretti anatomici in particolari sport);
  • l’assunzione di farmaci.

Successivamente si procede con l’esame dell’apparato: si prendono in esame soprattutto la postura, la forza muscolare, i riflessi, l’ampiezza dei movimenti e la presenza di eventuali gonfiori in corrispondenza delle articolazioni.

Al termine di questa osservazione il medico può essere già in grado di effettuare una diagnosi, oppure può avere un sospetto diagnostico da confermare mediante la prescrizione di altre indagini variabili, a seconda del tipo di problema riportato dal paziente: radiografie, TC, risonanza magnetica, esami del sangue, delle urine o del liquido articolare.

EVENTUALI CONTROINDICAZIONI O RISCHI

La visita ortopedica non presenta controindicazioni e non comporta rischi di alcun tipo.

NORME DI PREPARAZIONE

Non è richiesto alcun tipo di preparazione specifica da parte del paziente.

ORTOPEDIA IN AUXOLOGICO

L’attività di Ortopedia e Traumatologia di Auxologico viene eseguita da tre Unità Operative che uniscono un livello tecnologico avanzato alla professionalità riconosciuta dei chirurghi ortopedici e traumatologi  e dei colleghi anestesisti e rianimatori.

L’attività ambulatoriale viene eseguita presso tutte le sedi di Auxologico in Lombardia e Piemonte, dove sono presenti anche tutte le strumentazioni di diagnostica per immagini (radiologia tradizionale, risonanza magnetica nucleare, TAC, ecografia) necessarie per il corretto inquadramento diagnostico di ogni patologia.

Gli interventi di chirurgia ortopedica vengono eseguiti presso l’Ospedale Capitanio di Milano e coprono tutte le esigenze connesse alle problematiche dell’apparato osteoarticolare.
In particolare, per la protesi di anca e ginocchio vengono utilizzate le tecniche più avanzate di chirurgia protesica mini invasiva, applicate anche nei casi di revisione degli impianti protesici falliti.
La chirurgia della spalla e la chirurgia della mano, la chirurgia mini invasiva del piede e il trattamento artroscopico delle articolazioni sono altri ambiti di particolare esperienza.

Nel reparto ospedaliero di ortopedia e traumatologia viene praticata un’attività continua di ricerca clinica e di sviluppo delle più moderne tecniche chirurgiche, con indiscutibili benefici per il paziente: le alte tecnologie, i nuovi materiali, le novità chirurgiche più moderne hanno portato miglioramenti evidenti alle procedure chirurgiche che, in molti casi, riducono a zero i disagi del post operatorio, come il dolore e la temporanea disabilità.

Auxologico ha sviluppato precisi protocolli che regolano l’assistenza al paziente nel post operatorio e nella fase di riabilitazione attraverso equipe multi disciplinari di fisiatri, ortopedici e fisioterapisti.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI