Trattamento condilomi

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

 Trattamento condilomi

A cura di

Prof. Giancarlo Roviaro

Direttore U.O. Chirurgia Generale - Capitanio - Auxologico Capitanio

Direttore Centro Chirurgia Toracica

COSA SONO I CONDILOMI, E COME SI TRATTANO?

I condilomi sono escrescenze, simili a verruche, che compaiono nelle aree genitali, sia nel sesso maschile che in quello femminile: le dimensioni dei condilomi possono variare da pochi mm, fino a vere grossolane formazioni, dette volgarmente “creste di gallo”.

Sono usualmente lesioni benigne, provocate da un virus, il papilloma virus (HPV) trasmesso per contatto sessuale con un partner infetto.

I ceppi di papilloma virus responsabili della trasmissione sono numerosi e alcuni di questi ceppi virali possono trasformare il condiloma da lesione benigna in lesione maligna.

Nella donna i condilomi si localizzano sui genitali esterni, dentro la vagina, a livello della cervice uterina e attorno o dentro l’ano.

Nell’uomo possono essere ben visibili sul glande, sullo scroto, intorno o dentro l’ano.

Se pur raramente possono essere riscontrati anche nel cavo della bocca, nei soggetti che hanno praticato sesso orale.

Il virus penetra attraverso piccole lesioni, della pelle e delle mucose, che si verificano durante il rapporto sessuale: il periodo di latenza con cui il condiloma si evidenzia, può essere lungo, vari mesi e anche anni.

Non tutti i soggetti che hanno avuto contatto con il virus sviluppano condilomi e ciò dipende soprattutto dall’efficacia del sistema immunitario che è in grado di annullare la vitalità del virus.

COME SI FA LA DIAGNOSI DEL CONDILOMA?

Qualunque lesione di tipo verrucoso che si sviluppa a livello dell’ano e dei genitali maschili e femminili, deve porre il sospetto di condiloma.

Usualmente i condilomi non creano disturbi importanti: solo raramente provocano dolore, più spesso fastidio, irritazione e prurito.

Usualmente è il paziente che nota la presenza di queste lesioni, o visivamente o toccandole con le mani, e che pertanto ricorre a una visita medica. Il medico esperto può fare diagnosi già solo osservando le lesioni, ma sarà solo l’esame istologico che confermerà la natura del condiloma.

COME PREVENIRE I CONDILOMI?

I condilomi sono una patologia contagiosa a trasmissione sessuale: esiste un rapporto diretto tra il numero di partner e l’incidenza dei condilomi.

Oltre al numero di partner, altro sicuro fattore importante è il mancato utilizzo del profilattico, e ciò vale anche per tutte le altre patologie trasmesse sessualmente (HIV, sifilide, gonorrea). Ricordiamo inoltre che molti soggetti sono contagiosi anche a loro insaputa.

Attualmente esistono anche vaccini che proteggono dai vari tipi di papilloma virus che possono essere responsabili del cancro cervicale nella donna.

Il vaccino però non ha alcun effetto terapeutico: trova la sua validità solo come prevenzione e pertanto va praticato, nella donna, prima dell’inizio dell’attività sessuale.

Anche in Italia è in atto una campagna di vaccinazione nella donna, e sempre più studi, stanno a indicare la validità della vaccinazione anche nel sesso maschile.

QUAL È LA TERAPIA DEI CONDILOMI?

I condilomi devono essere trattati e seguiti esclusivamente da personale medico, e bisogna assolutamente evitare farmaci da banco utilizzati per trattare le normali verruche.

Non esiste un trattamento specifico per queste lesioni provocate dal papilloma virus.

Vari farmaci sono in commercio, che vengono utilizzati con applicazioni locali, e che fondamentalmente sono farmaci modulatori della risposta immunitaria.

Il più noto di questi è l’Imiquimod, noto come Aldara, che va applicato localmente sulle lesioni per alcune settimane. Il farmaco può avere qualche successo quando le lesioni sono piccole o iniziali, ma può provocare anche vari disturbi, come rossore, dolore, bruciore soprattutto quando le lesioni sono sul glande o nella vagina.

Quando le lesioni sono diffuse o più grandi, la terapia chirurgica, che comporta l’asportazione meticolosa di tutte le lesioni visibili, è l’unica terapia che permetta di ottenere risultati concreti.

Tuttavia va ricordato che l’asportazione chirurgica non garantisce in maniera assoluta la guarigione: il paziente va seguito periodicamente, e soprattutto deve continuare a utilizzare il profilattico nei rapporti sessuali.

LA RIMOZIONE DEL CONDILOMA IN AUXOLOGICO

L’Unità Operativa di Chirurgia Generale dell'Ospedale Capitanio garantisce ai pazienti una presa in carico completa dall’inizio del percorso diagnostico fino alla dimissione postoperatoria e nei controlli successivi, per tutte le patologie di interesse chirurgico. 

A livello ambulatoriale vengono effettuate:

  • visite specialistiche nelle sedi milanesi di Pier Lombardo, Ariosto, Mosè Bianchi e nella sede di Pioltello;
  • interventi ambulatoriali per asportazione di lesioni della cute e del sottocute effettuati nelle sedi milanesi di Capitanio, Pier Lombardo, Ariosto, e nella sede di Pioltello.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI