Salta al contenuto principale

Premio internazionale in memoria della Prof.ssa Bianchi

Pubblicato il 07/11/2022 - Aggiornato il 14/11/2022

Dopo il Premio Maria Luisa Bianchi istituito da ICCBH (International Conference on Children's Bone Health, il convegno internazionale sulla salute ossea dei bambini), anche l’European Calcified Tissue Society (ECTS) ha annunciato l’istituzione di un premio per onorare la memoria della professoressa Bianchi che per molti anni fino alla sua prematura scomparsa nel 2020 ha lavorato come medico specialista presso il Centro Malattie del Metabolismo Osseo e Diabete e come direttore del Laboratorio sperimentale di ricerche sul metabolismo osseo infantile di Auxologico.

Gli interessi della Prof.ssa Bianchi spaziavano dalle malattie metaboliche ossee (osteoporosi primitive e secondarie, osteoporosi da steroidi, iperparatiroidismo, ipercalciuria idiopatica) alla epidemiologia, fisiopatologia, terapia, tecniche diagnostiche per misurare la massa ossea (DXA, istomorfometria ossea), ormoni calciotropi e marker del turnover osseo.

La Prof.ssa Bianchi aveva inoltre accumulato una vasta esperienza nell'arruolamento e nel follow-up di pazienti in protocolli clinici per lo studio delle terapie contro l'osteoporosi, collaborando in progetti internazionali. Suo particolare interesse era rivolto alle malattie metaboliche ossee primitive e secondarie in bambini e adolescenti.

E, come viene ricordata dal prestigioso convegno internazionale sulla salute ossea dei bambini, il Premio Maria Luisa Bianchi è stato istituito da ICCBH per onorare la memoria della Professoressa Maria Luisa Bianchi per il suo ruolo nella creazione e nello sviluppo dell’ICCBH e per il suo significativo impatto nel campo della malattia ossea pediatrica attraverso la sua ricerca e il suo lavoro clinico. Il Premio ricorda il suo impegno allo sviluppo del campo e la sua volontaristica disponibilità a contribuire con il suo tempo e i suoi sforzi a beneficio di tutti.

I riconoscimenti da parte di Fondazione Telethon

La Prof.ssa Maria Luisa Bianchi è inoltre stata una ricercatrice molto attiva e apprezzata anche dalla Fondazione Telethon per i suoi studi sul metabolismo osseo, definita dalla Fondazione “una persona cara e una collega infaticabile ed entusiasta”.

Proprio la Fondazione Telethon la ricorda così:

Il suo interesse principale riguardava le malattie metaboliche ossee in bambini e adolescenti, le osteoporosi primitive o secondarie, dovute a malattie del sistema endocrino o agli effetti collaterali da trattamento con farmaci steroidei. Questi suoi interessi l’hanno portata negli anni a sviluppare protocolli di studio per patologie quali la fibrosi cistica e la distrofia muscolare di Duchenne, per i quali ha ricevuto diversi finanziamenti Telethon. Le sue competenze mediche e scientifiche sono ben note ai colleghi italiani con cui ha collaborato contribuendo con generosità alla crescita di un gruppo di ricerca sulle patologie dell’osso che da molti anni lavora in rete. Ha inoltre partecipato a molti progetti internazionali, uno dei quali con il supporto di Telethon riguardo al metabolismo osseo nei ragazzi con distrofia di Duchenne trattati con farmaci steroidei. Oltre alla passione per la ricerca, che svolgeva con entusiasmo e rigore, Maria Luisa Bianchi merita un ricordo particolare per le sue grandi doti umane, tradotte con la gentilezza che la contraddistingueva in concrete attività di volontariato, sia in Italia, in collaborazioni con le associazioni di pazienti, sia all’estero presso paesi svantaggiati.


Il Premio ECTS

Questi riconoscimenti e il rimpianto per la sua perdita proseguono e si concretizzano per proseguirne l’opera con il nuovo premio ECTS che verrà consegnato a partire dal prossimo congresso 2023.

Così recita la motivazione del premio:

In memoria della Professoressa Maria Luisa Bianchi, tristemente scomparsa nel 2020, ECTS desidera ricordare e onorare Maria Luisa durante il suo congresso annuale introducendo un Premio annuale Maria Luisa Bianchi per la ricerca clinica sulle malattie delle ossa rare. Questo premio è sostenuto da Kyowa Kirin International. Maria Luisa è stata un'esperta riconosciuta a livello internazionale nel campo delle malattie ossee pediatriche e rare, attivamente coinvolta nella ricerca, nell'educazione e nella cura dei pazienti. Le sue attività di ricerca clinica si sono concentrate sulle malattie ossee metaboliche pediatriche, sull'endocrinologia e sugli effetti collaterali del trattamento con steroidi. Ha sviluppato studi sulla fibrosi cistica, sulla distrofia muscolare di Duchenne, sulla malattia da accumulo di glicogeno di tipo 1, sulla celiachia e altro ancora. Per molti anni ha collaborato attivamente e regolarmente al congresso ECTS, membro del consiglio di amministrazione dell'ECTS e membro dell'ECTS Rare Disease Action Group.

Nell’occasione desideriamo associarci al ricordo e alla gratitudine rivolti alla Prof.ssa Maria Luisa Bianchi per il suo esempio di medico e ricercatrice unito alle sue grandi doti umane che abbiamo avuto modo di apprezzare in tanti anni di attività in Auxologico.

LEGGI LA NEWS


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

18 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
18 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).