Salta al contenuto principale

Centro Cardiomiopatie

Responsabile: Prof.ssa Lia Crotti

Il Centro Cardiomiopatie dell’Ospedale Auxologico San Luca si occupa della diagnosi e della cura delle cardiomiopatie (malattie del muscolo cardiaco).
Queste cardiopatie possono associarsi a scompenso cardiaco e/o ad aritmie, con rischio di arresto cardiaco (e morte improvvisa, se il paziente non viene rianimato in tempo).
Il Centro si avvale della consulenza clinica e scientifica del Prof. Franco Cecchi, esperto di fama internazionale in questo settore.

DIAGNOSI E TERAPIE AVANZATE

Negli ultimi 20 anni i continui progressi della ricerca hanno anche reso disponibili diverse terapie che hanno permesso la riduzione o l’abolizione dei sintomi, aumento della qualità della vita e della sopravvivenza, e ridotto eventi catastrofici come arresto cardiaco o ictus.

Le patologie che vengono seguite nel Centro Cardiomiopatie sono:

  • Cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva e non ostruttiva;
  • Cardiomiopatia dilatativa;
  • Cardiomiopatia aritmogena destra e/o sinistra;
  • Cardiomiopatia da malattia di Fabry;
  • Amiloidosi cardiaca genetica e non;
  • Cardiomiopatia restrittiva;
  • Ventricolo sinistro non compatto.

Durante la visita i pazienti vengono sottoposti a un colloquio per raccogliere la storia personale e familiare, ECG a riposo e visita cardiologica.

Esami aggiuntivi che possono essere richiesti per caratterizzare meglio le condizioni del paziente sono:

I pazienti e i loro familiari vengono poi seguiti nel tempo con controlli regolari a seconda della patologia, della sua severità e delle terapie consigliate.

Se indicato in questi pazienti, oltre alla terapia farmacologica, presso l’Ospedale San Luca viene effettuato l’impianto sia di defibrillatore standard (ICD) che sottocutaneo (S-ICD), per la prevenzione dell’arresto cardiaco da aritmie ventricolari maligne. Può essere impiantato un loop recorder per il monitoraggio a lungo termine.
Infine, se indicata, può essere effettuata anche l’ablazione sia di aritmie sopraventricolari (come il flutter e la fibrillazione atriale) che ventricolari. 
Per risolvere l’ostruzione all’efflusso nella CMI ostruttiva viene effettuata, laddove la terapia farmacologica non è sufficiente, ablazione mediante alcoolizzazione settale, mentre la terapia chirurgica presso Centri di Cardiochirurgia qualificati. I successivi cicli di riabilitazione vengono effettuati presso l’Ospedale San Luca.

I pazienti e i loro familiari possono anche beneficiare di un supporto psicologico qualificato.

Inoltre l'Associazione AICARM ETS, (Associazione Italiana per l'assistenza e la ricerca delle Cardiomiopatie), in convenzione con il Centro Cardiomiopatie, è a disposizione dei pazienti e dei loro familiari, che possono beneficiare del suo supporto. 

LA RICERCA SCIENTIFICA PER CURE PIÙ EFFICACI

Il Centro Cardiomiopatie svolge anche un’importante attività di ricerca clinica e garantisce un trattamento all’avanguardia di queste cardiopatie.


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Tel. 02 619112501 - Selezionare l’opzione numero 4 Centri Cardiologia e a seguire opzione numero 1 Centro Cardiomiopatie
centrocardiomiopatie@auxologico.it 

A
Amiloidosi cardiaca genetica e non
C
Cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro/sinistro
Cardiomiopatia da malattia di Fabry
Cardiomiopatia del ventricolo sinistro non compatto
Cardiomiopatia dilatativa
Cardiomiopatia ipertrofica
Cardiomiopatia restrittiva

Ecocardiogramma color-doppler

Elettrocardiogramma dinamico (Holter cardiaco)

Test cardiorespitarorio

Analisi genetica NGS con pannelli dedicati per Cardiomiopatia

Risonanza Magnetica cardiaca (RM cuore)

Coronarografia diagnostica

AngioTAC coronarica

Studio elettrofisiologico

Es. emodinamico di base e da sforzo

Test da sforzo al cicloergometro

Responsabile: Prof.ssa Lia Crotti

Prof. Franco Cecchi
Cardiologo
Dott.ssa Silvia Ravaro
Cardiologo
Dott.ssa Sabrina Salerno
Cardiologo

Sede ospedaliera

Sede ambulatoriale