Salta al contenuto principale

Test sierologico per Anticorpi al Coronavirus a Verbania - Piemonte

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Test sierologico per Anticorpi al Coronavirus a Verbania - Piemonte

Nella sede di Auxologico Villa Caramora a Verbania è possibile effettuare il test sierologico ECLIA (con specificità del 99,98% e sensibilità del 98,8%) per la rilevazione quantitativa degli anticorpi (Ig Totali) diretti contro il virus SARS-CoV-2 responsabile del Covid-19.

DOVE E COME FARE IL TEST SIEROLOGICO

Il test può essere effettuato in Villa Caramora, Corso Mameli 199 a Verbania senza prenotazione e a digiuno:

  • Dal lunedì al sabato
    Dalle ore 7,30 alle ore 10,30.

RITIRO REFERTO

Il ritiro referti sarà disponibile generalmente dopo 48 ore:

  • online (previa firma del consenso informato al momento dell'accettazione)
  • allo sportello

QUALE TIPO DI TEST VIENE EFFETTUATO IN AUXOLOGICO?

Per il singolo cittadino è disponibile il test sierologico ECLIA per la rilevazione quantitativa degli anticorpi (Ig Totali) diretti verso una particolare porzione della proteina Spike del virus SARS-CoV-2, responsabile della penetrazione nelle cellule umane.

La presenza e il livello di tali anticorpi potrebbero segnalare:

  • se una persona è già stata infettata e potenzialmente ha sviluppato un’immunità al virus;
  • il livello di anticorpi presenti al fine di determinare l’efficacia del vaccino Covid-19.

COME SI ESEGUE? 

Il test sierologico quantitativo ECLIA si esegue con un prelievo venoso.

Non è necessario il digiuno stretto, né alcuna preparazione particolare, tuttavia è raccomandato attendere un paio d'ore da una colazione/pasto leggero prima di eseguire il prelievo.

L'esecuzione per i bambini è a partire dai 6 anni, e comunque dopo la valutazione da parte del personale infermieristico.

A COSA SERVONO I TEST SIEROLOGICI PER IL COVID-19?

In base alle disposizioni vigenti alla data del 18 Maggio 2020, il Ministero della Salute "non considera i test sierologici come test in grado di produrre una diagnosi: i test sierologici, secondo le indicazioni dell’OMS, non possono sostituire il test diagnostico molecolare su tampone, tuttavia possono fornire dati epidemiologici riguardo la circolazione virale nella popolazione anche lavorativa".

La Direzione dell’Assessorato regionale alla Sanità del Piemonte ha diffuso una nota in cui precisa che “è consentito l’utilizzo del test sierologico per le immunoglobuline specifiche per il SARS-CoV-2 anche ai privati cittadini, presso i laboratori di analisi cliniche privati, per i soli esami che il Ministero considera attendibili nel loro esito epidemiologico”.

test sierologici servono per mettere in evidenza la presenza di anticorpi diretti contro il virus, in questo caso il SARS-CoV-2 responsabile del Covid-19. La loro presenza indica che è avvenuta l’infezione.

Ricordiamo però che, allo stato delle conoscenze attuali, la positività al test non può essere una garanzia di una immunità al Coronavirus.

Il test sierologico non sostituisce la ricerca dell’RNA virale con tecnica molecolare (da tampone naso-faringeo) che, per il momento, è l’unico test definitivamente diagnostico.

COSA DICE IL RISULTATO DEL TEST SIEROLOGICO?

L' esame è richiesto per:

1. SCREENING E/O FOLLOW-UP POST COVID-19:

Un risultato negativo (valori < 0.80 U/mL) indica che una persona non è stata infettata oppure è stata infettata molto recentemente (meno di 8-10 giorni prima) e non ha ancora sviluppato la risposta anticorpale al virus, oppure è stata infettata ma il titolo di anticorpi che ha sviluppato è, al momento dell’esecuzione del test, al di sotto del livello di rilevazione del test stesso. Inoltre in alcuni soggetti i titoli anticorpali tendono a scendere a distanza di qualche mese dall’infezione.

Un risultato positivo (valori 0.80 U/mL) indica che la persona è stata infettata, ma non indica necessariamente se quindi è protetta e per quanto tempo, e se la persona è guarita oppure ancora contagiosa. E’ pertanto necessario eseguire il test molecolare da tampone naso-faringeo per ricerca RNA virale.

2. MONITORARE LA COPERTURA ANTICORPALE NEI SOGGETTI SOTTOPOSTI A VACCINAZIONE:

Per verificare e monitorare l’eventuale risposta al vaccino, il dosaggio anticorpale dovrebbe essere determinato prima della somministrazione e a partire da 1 a 2 settimane dopo la  somministrazione dell’ultima dose di vaccino per almeno 6-8 mesi.

  • Risultato negativo (valori < 0.80 U/mL): negativo per gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 Spike; il soggetto risulta non immunizzato.
  • Risultato positivo (valori ≥ 0.80 U/mL): positivo per gli anticorpi anti-SARS-CoV-2 Spike; il soggetto risulterebbe immunizzato, sulla base delle attuali conoscenze, e dovrebbe essere protetto per almeno 6-8 mesi.

Eventuali successivi controlli nel tempo, potranno evidenziare, tramite il raffronto della titolazione anticorpale, la persistenza dello stato immunitario.

QUANTO COSTA IL TEST?

Il test sierologico quantitativo ECLIA costa 40 euro.

PRENOTA


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).