Salta al contenuto principale

Covid: precauzioni per pazienti con Sindrome del QT Lungo

Pubblicato il 15/12/2021 - Aggiornato il 18/11/2022

Queste informazioni non sostituiscono in alcun modo il colloquio con il tuo medico di fiducia.

I pazienti affetti da QT lungo sono più a rischio di contrarre il Covid? Ci sono dei farmaci impiegati per la cura del virus che non sono indicati per pazienti con il QT lungo?

Prof. Peter J. Schwartz

Direttore Centro Aritmie Genetiche

Prof.ssa Lia Crotti

Direttore U.O. Riabilitazione Cardiologica - Auxologico San Luca

Dott.ssa Silvia Castelletti

Staff U.O. Cardiologia - Auxologico San Luca

Dott.ssa Federica Dagradi

Staff Centro Aritmie Genetiche - Auxologico Pier Lombardo

Covid e sindrome del QT lungo

In relazione al rischio contagio da Covid-19, i pazienti affetti da Sindrome del QT lungo non sono da considerarsi, di per sé, a rischio aggiuntivo e non vi sono quindi precauzioni diverse da assumere rispetto a quanto già indicato a livello Nazionale alla popolazione generale.


Farmaci

I farmaci da evitare sono, come sempre, quelli elencati nella lista disponibile sull’app CredibilMeds® e sul sito www.azcert.org.

Tuttavia, un'attenzione ancora maggiore a evitare il contagio è richiesta dal fatto che molte delle terapie che vengono ora impiegate per la cura dell'infezione da Covid possono allungare, anche significativamente, l’intervallo QT.

Questo è particolarmente vero per l’associazione che in questi giorni viene usata più frequentemente, costituita da idrossiclorochina con azitromicina e lopinavir/ritonavir.

Si tratta di farmaci che bloccano la corrente IKr e allungano l’intervallo QT. Inoltre, gli antivirali utilizzati possono causare diarrea, altra condizione potenzialmente pericolosa per via della ipopotassiemia che potenzia l’effetto negativo sull’intervallo QT e favorisce tachiaritmie ventricolari.

Questo impone di monitorare e correggere, se necessario, la potassiemia. Nei pazienti con sindrome del QT lungo dovrebbe essere valutata attentamente la terapia da utilizzare, e quando è necessario fare associazioni di farmaci che allungano il QT monitorare attentamente i valori e bilanciare bene i rischi e benefici di tale terapia.

Il Nadololo e la Mexiletina 

Il nadololo e la mexiletina sono farmaci che non hanno alcuna influenza su un eventuale contagio e la loro disponibilità non dovrebbe venire meno per via della situazione in corso. Si raccomanda pertanto di attenersi alle normali misure e raccomandazioni già note per i pazienti affetti da Sindrome del QT Lungo e a quelle nazionali per la popolazione generale.

Articoli sul Covid


Il Centro Aritmie Genetiche di Auxologico

Il Centro Aritmie Genetiche si rivolge ai pazienti affetti da Sindrome del QT lungo, Sindrome di Brugada, Tachicardia ventricolare polimorfa catecolaminergica, Cardiomiopatia dilatativa, Cardiomiopatia ipertrofica, Displasia aritmogena del ventricolo destro, Fibrillazione ventricolare idiopatica e Sindrome del QT Corto.

Il Centro è diretto dal Prof. Schwartz, leader mondiale nel settore delle aritmie di origine genetica, e si avvale della collaborazione di tre cardiologi, un’infermiera dedicata, un’addetta alla segreteria, oltre a quattro biologi molecolari, due psicologhe e ad un’esperta in statistica. Composto da quattro ambulatori, un’ampia sala d’attesa e lavorando in stretta sinergia con il Laboratorio di Cardiologia Molecolare e con il Servizio di Elettrofisiologia di Auxologico San Luca, il Centro fornisce ai pazienti assistenza cardiologica specifica, analisi strumentali e genetiche e consulenza psicologica.

In particolare, il Centro è un punto di riferimento per i pazienti affetti da Sindrome del QT lungo, di cui il Prof. Schwartz è internazionalmente riconosciuto quale uno dei maggiori esperti al mondo. Egli si occupa infatti di questa malattia dal 1971 e ha dato contributi fondamentali alle conoscenze riguardanti sia il management clinico sia i meccanismi genetici che ne sono la causa.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

18 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
18 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).