Salta al contenuto principale

Le bevande energetiche sono pericolose per il cuore?

Pubblicato il 16/06/2017 - Aggiornato il 11/03/2019

Nella medicina moderna è cresciuta la consapevolezza che una grande varietà di farmaci comunemente utilizzati, come antistaminici, antidepressivi o antibiotici, potrebbero  innescare aritmie cardiache che mettono a rischio la vita se somministrati a soggetti con una specifica propensione genetica. Si tratta di quella che è chiamata “sindrome del QT lungo da farmaci” (di-LQTS).

Il team del prof. Peter J. Schwartz dell’Auxologico ha recentemente dimostrato che quasi un terzo della di-LQTS indotta da farmaci si verifica in soggetti portatori di mutazioni che causano la sindrome del QT lungo congenita (LQTS). Quest’ultima è una delle prime cause di morte improvvisa sotto i 20 anni; sono le morti da stress fisico o emotivo che avvengono a scuola, nello sport, o durante emozioni improvvise.

Il concetto emergente è che questi eventi aritmici non si verificano in modo casuale, ma con molta probabilità si sviluppano in individui apparentemente sani che, tuttavia, hanno una predisposizione genetica a reagire in modo abnorme proprio perché portatori di mutazioni che causano una forma sub-clinica (non manifesta) di LQTS. Tuttavia, fino ad ora è stato ignorato il fatto che pure sostanze che possiamo mangiare o bere potrebbero avere simili effetti potenzialmente pericolosi.

In questo editoriale dell’International Journal of Cardiology, Peter J. Schwartz e Federica Dagradi del Centro per la ricerca e cura delle aritmie cardiache di origine genetica dell’Auxologico, discutono alcune recenti ricerche relative alla possibilità che la moda di ingerire le cosiddette “bevande energetiche”, magari mescolate a bevande alcoliche, consumate da milioni di giovani in tutto il mondo, possa mettere a rischio i soggetti portatori di aritmie genetiche.

Poiché l’incidenza delle mutazioni che possono causare la LQTS, in forma manifesta o silente, è intorno ad 1 per  1000 è chiaro come in Italia vi siano migliaia di giovani potenzialmente portatori di queste mutazioni. Molti di questi sono a bassissimo rischio di aritmie ma questo rischio potrebbe aumentare di molto con l’ingestione di queste bevande energetiche. 

«In queste situazioni – dicono gli autori - è importante preservare il buon senso. Non bisogna né fare terrorismo né spingere la polvere sotto il tappeto e ignorare i potenziali pericoli».


Peter J. Schwartz, Federica Dagradi, Red Bull®: Red flag or red herring?, International Journal of Cardiology, Volume 231, 15 March 2017, Pages 179–180. 

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28189189


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).