Salta al contenuto principale

RSA: quando può essere la soluzione adatta

Pubblicato il 25/10/2021 - Aggiornato il 16/11/2023

Queste informazioni non sostituiscono in alcun modo il colloquio con il tuo medico di fiducia.

Che cos'è una RSA?

L’acronimo RSA significa Residenza Sanitaria Assistenziale. La RSA è una struttura che eroga prestazioni socio-sanitarie (assistenza medica, infermieristica e ausiliaria, attività fisioterapica, supporto psicologico, supporto sociale), ma anche servizi complementari di tipo “alberghiero”, come la ristorazione nella sala ristorante e le attività educativo-ricreative nei salottini e nei luoghi dedicati alla socializzazione.

Quando la RSA può essere la soluzione per la famiglia?

La RSA rappresenta una soluzione quando il carico assistenziale per la famiglia è eccessivamente gravoso, cioè quando i familiari non riescono più a supportare l’anziano nei suoi bisogni.
In genere ciò accade perché la persona anziana è affetta contemporaneamente da numerose patologie, assume molti farmaci, diventa progressivamente meno autosufficiente oppure completamente non autosufficiente. Si tratta di una scelta che compie principalmente la famiglia.
Raramente ci sono persone anziane, cognitivamente integre, che per non “pesare” sui propri cari scelgono spontaneamente di entrare in RSA.

Quali sono le figure mediche e tecniche che assistono gli anziani?

L’équipe medica è formata sia da geriatri, specializzati nella cura delle persone anziane, sia da altri specialisti. Al loro fianco lavora l’équipe infermieristica.
Ogni ospite della RSA è seguito inoltre dalla squadra dei fisioterapisti, delle educatrici e dall’assistente sociale.
Fanno parte dell’equipe socio sanitaria anche gli psicologi: lo psicologo non è una figura presente in tutte le RSA, ma Auxologico ha scelto di garantire il loro supporto agli ospiti, ai loro familiari e ai caregiver.

Quali sono le patologie tipiche dell'età anziana di cui soffrono le persone in RSA?

Le patologie più frequenti tra gli anziani sono le malattie cardiovascolari, il diabete, i problemi osteoarticolari, le malattie neurodegenerative e il declino cognitivo.
La peculiarità del paziente anziano, soprattutto degli ospiti delle RSA, è la multimorbilità, cioè la compresenza di più di una patologia. I pazienti giovani o adulti generalmente si rivolgono a uno specialista (cardiologo, diabetologo, nefrologo, etc) per singole patologie; a mano a mano che si va avanti con l’età le malattie si accumulano e diventa fondamentale valutare il paziente attraverso un approccio completo e multidisciplinare, con l’attitudine a considerare la persona anziana nella sua interezza e complessità.

In cosa consiste l'approccio olistico?

La valutazione della persona che entra in RSA è multidimensionale e multiprofessionale. La situazione socio-sanitaria dell’ospite viene valutata da tutti i professionisti che fanno parte dell’équipe socio-sanitaria: medico, infermiere, fisioterapista, assistente sociale, psicologo, educatore.
Questa valutazione confluisce in un documento che si chiama PAI, progetto assistenziale individualizzato, condiviso con il parente di riferimento ed eventualmente con l’ospite cognitivamente integro, in modo che la progettazione per i futuri mesi di permanenza in RSA sia concordata e condivisa, in base a quelle che sono le reali possibilità di miglioramento.


Qual è il punto di forza di Auxologico Residenza Anziani?

La particolarità della RSA di Auxologico di via Mosé Bianchi a Milano è di essere inserita all’interno di un'organizzazione sanitaria che fornisce prestazioni ospedaliere e ambulatoriali e che possiede una struttura capace di rispondere a uno spettro molto ampio di esigenze.

Com'è scandita la giornata tipo?

Gli ospiti si svegliano tra le 7 e le 8 del mattino, e, dopo aver ricevuto le adeguate cure igieniche, fanno colazione nelle sale comuni, dove eventualmente viene somministrata la loro terapia. Dopo la colazione vengono accompagnati alle attività fisioterapiche o educative di gruppo, oppure all’incontro con i familiari.
A metà mattina viene proposta una piccola merenda e alla fine della mattina il pranzo. Dopo la somministrazione dei farmaci gli ospiti possono riposare e nel pomeriggio partecipano alle attività fisioterapiche o educativo-animative, oppure religiose, con la lettura del rosario e la Santa Messa una volta alla settimana. Dopo la merenda pomeridiana seguono gli incontri di persona con i familiari. Dopo la cena ci si prepara per la notte.


Auxologico Residenza per Anziani - RSA

Auxologico Residenza per Anziani è una Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) aperta nel 2007 e accreditata presso il SSN che ospita 108 posti letto dedicati all’accoglienza e all’assistenza di persone non autosufficienti, in prevalenza anziani.

Ciò che rende Auxologico Residenza per Anziani una scelta serena per ospiti e familiari è la possibilità di beneficiare di tutti i servizi diagnostici ed ospedalieri di Auxologico.  

La struttura dell’RSA di Auxologico dispone di ambienti sono moderni e tutti climatizzati, luminosi e accoglienti, e garantisce un’ampia proposta di attività ricreative e riabilitative.
Le camere sono dotate di bagno interno, letti elettrici, materassi antidecubito, televisore, telefono, wi-fi.

L’istruttoria di ingresso dell’ospite nella Residenza per Anziani viene gestita dall’Assistente Sociale della Struttura: il paziente o i suoi familiari possono fissare un appuntamento (lunedì e martedì dalle 9.00 alle 18.00, mercoledì e giovedì dalle 8.30 alle 14.00) telefonando al numero 02 619118297 o scrivendo una email a serv.sociale@auxologico.it).

L’accettazione della domanda di ingresso viene effettuata dall'Unità di Valutazione Geriatrica (UVG) interna, un'équipe multidisciplinare costituita da Medico, Coordinatore Infermieristico ed Assistente Sociale.

COME ACCEDERE

Contenuto realizzato in collaborazione con Clorofilla