Salta al contenuto principale

Il murale diventato simbolo nella lotta al Covid

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Il murale diventato simbolo nella lotta al Covid

Un grazie grande così - dove “così” è niente meno che 90 metri quadri: tale è l’ampiezza della superficie su cui lo street artist milanese Lapo Fatai ha realizzato la sua opera, dedicata a medici, infermieri, operatori sanitari e in generale a tutte le persone impegnate nel far fronte all’emergenza.

Il murale intitolato “Per non dimenticare” - che sorge in viale Murillo su una parete adiacente all’Ospedale San Luca di Auxologico - ritrae un’infermiera col pollice in su che mostra il volto spostando con la mano la mascherina. Il viso è segnato dall’uso prolungato dei dispositivi di sicurezza, ma sorride

Il gigantesco dipinto è già diventato un simbolo della resistenza lombarda in tutto il mondo. Le foto del work in progress sono state riprese dai siti cinesi a quelli americani. Ieri, Lapo lo ha terminato: «C’è la scritta “grazie” e tanti medici hanno voluto partecipare all’opera facendosi immortalare in una foto che ho scattato con un drone, è stata una grande emozione».

Il corriere della Sera

L'artista, Lapo Fatai, l’ha pensato e voluto per essere un disegno molto “fisico”, un fumetto, in modo che avesse un impatto forte e immediato, e il significato arrivasse a più persone, soprattutto ai bambini:

«Ho lavorato dieci giorni, per otto/nove ore sulla gru, bardato da mascherina integrale, occhiali e casco. Prima ho preparato la griglia al computer, l’ho riportata sul muro e ho iniziato a disegnare e a colorare con le bombolette spray. La gente che passava di lì era incuriosita, contenta, commossa. I dottori si affacciavano dalle finestre e mi ringraziavano».

Il murale è stato fortemente voluto da Auxologico, come spiega il Direttore Generale, Dott. Mario Colombo:

«L’emergenza Covid rimarrà nella memoria di tutti, ed in particolare di noi lombardi e milanesi. Volevamo fissare nel tempo questo periodo, i sentimenti che lo hanno pervaso, le tante immagini di sofferenza, ma anche qualche sorriso e soddisfazione di questi ultimi giorni che la pressione sugli ospedali sta diminuendo. L'Istituto Auxologico Italiano è una Fondazione, ente no profit, che per l'emergenza Covid ha interamente trasformato l'Ospedale San Luca in ospedale Covid ed attivato nella sede di Auxologico Capitano una struttura riabilitativo per i pazienti Covid.

Abbiamo condiviso l’idea con l’artista ormai famoso “graffitaro” Lapo Fatai che ha dato forma al nostro desiderio di ringraziare non solo il personale di Auxologico e di tutti gli altri ospedali italiani, ma anche la generosità dei lombardi e dei milanesi che non hanno mai fatto mancare il loro sostegno a chi ha lavorato, in mezzo a mille difficoltà ed incertezze, per la salute della collettività».

Leggi la notizia sul Corriere della Sera


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).