Salta al contenuto principale

Laboratorio Sperimentale Ricerche Auxo-Endocrinologiche

Laboratori di ricerca Auxologico
Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Laboratorio Sperimentale Ricerche Auxo-Endocrinologiche

ATTIVITÀ DI RICERCA

Il Laboratorio di Ricerche Auxo-endocrinologiche sviluppa da oltre 30 anni progetti scientifici clinici e di base in ambito auxo-endocrino-metabolico, in collaborazione con i principali gruppi di ricerca internazionali. La produttività scientifica è documentata da oltre 340 pubblicazioni sulle più autorevoli riviste internazionali indexate su PubMed.

Il direttore del Laboratorio di ricerca è membro del comitato editoriale delle seguenti riviste internazionali: Frontiers in Human Neuroscience; Nutrients; Scientific Reports; Healthcare; Brazilian Journal of Health and Biomedical Sciences; Journal of Rehabilitation Therapy.

I principali interessi di ricerca sono rappresentati da:

  • studio del metabolismo basale in diverse condizioni cliniche e sperimentali; 
  • messa a punto di algoritmi popolazione-specifici per la valutazione della composizione corporea;
  • riabilitazione metabolica integrata dell’obesità severa;
  • studio e applicazione di protocolli di attività fisica “adattata” nelle malattie endocrino-metaboliche; 
  • risposte ormonali all’esercizio fisico; 
  • neuroregolazione della secrezione di GH nelle diverse fasi della vita; 
  • disordini della crescita e dello sviluppo puberale; 
  • deficit di GH in età adulta e sindrome di Prader-Willi.

Sono impiegate le tecnologie più all’avanguardia, sia in ambito metabolico, strumentale, laboratoristico e di valutazione funzionale.

MALATTIE OGGETTO DI RICERCA

  • Obesità (infanto-adolescenziale, adulta e senile); 
  • disordini della crescita (bassa statura; deficit di GH)
  • pubertà precoce e ritardata; 
  • sindrome di Turner; 
  • sindrome di Prader-Willi;
  • disturbi del comportamento alimentare (età pediatrica); 
  • anoressia nervosa in fase post-acuta (età pediatrica).

RISULTATI DI PARTICOLARE IMPORTANZA RAGGIUNTI

  • Regolazione ormonale di fame e sazietà in relazione a differenti alimenti (edibili e non edibili, assunti come fast- e slow-food);
  • messa a punto e validazione di equazioni specifiche per popolazione (obesità dell’adulto e pediatrica) per il calcolo del metabolismo di base (studio collaborativo condotto su 15000 pazienti); 
  • messa a punto e validazione di formule per il calcolo della composizione corporea nei diversi gradi di obesità; 
  • avanzamento delle conoscenze sugli aspetti diagnostici e terapeutici nella sindrome di Prader-Willi;
  • follow-up a lungo termine di pazienti affetti da obesità e sindrome di Prader-Willi e identificazione dei fattori predittivi di successo del trattamento riabilitativo metabolico;
  • identificazione di mutazioni genetiche responsabili di obesità e identificazione dei migliori percorsi di cura (incluso il trattamento farmacologico);
  • sviluppo di software per lo studio della crescita e dello sviluppo di bambini-ragazzi di tutte le etnie;
  • analisi dell’età biologica del paziente obeso mediante analisi epigenetica e studio degli effetti della riabilitazione metabolica.

PRINCIPALI COLLABORAZIONI A NETWORK DI RICERCA

Gruppo di studio “Endocrinologia e metabolismo dello sport e dell’esercizio fisico” della Società Italiana di Endocrinologia, gruppo di studio “Obesità infantile” e gruppo di studio “Obesità genetica” della Società di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica.

Collaborazioni pluri-decennali con le più qualificate Università italiane

Collaborazioni continuative ad elevata produttività scientifica con oltre 90 gruppi di ricerca internazionali:

Department of Exercise and Sport Science, Metropolitan Manchester University, Alsager, UK; UFR STAPS, Faculté des Sciences du Sport, Université de Bourgogne, Dijon, France; Department of Physiology, University of Fribourg, Switzerland; Endocrine Division, University of Santiago de Compostela, Spain; Department of Medicine, Guy's, Kings' and St Thomas' School of Medicine, St Thomas' Campus, London, UK; Institute of Developmental Sciences, University of Southampton, UK; Department of Forensic Science, Drug monitoring, Drug Control Centre, King’s College, London, UK; Department of Pediatric Endocrinology, Saint Vincent de Paul Hospital, Paris, France; Department of Paediatrics, University of Wien; Department of Physiology, Federal University of Sao Paulo, Brazil; Department of Nutrition, Federal University of Sao Paulo, Brazil; British Olympic Association, London, UK; Exercise Physiology, Institute of Human Movement Sciences, University of Zurich, Switzerland; Neuromuscular Research Laboratory, Schulthess Clinic, Zurich, Switzerland; Institute of Sport Sciences, Department of Physiology, Faculty of Biology and Medicine, University of Lausanne, Switzerland; INSERM U1046, Physiologie et Medecine Exprimentale du Coeur et du Muscle, Université Montpellier, France; Section of Child Life and Health, University of Edinburgh, UK; Netherlands Organization for Applied Science (TNO), Department of Child Health and Department of Statistics, Leiden, The Netherlands; Section for Pediatrics, Department of Clinical Medicine, University of Bergen, Norway; Laboratory for Anthropogenetics, Vrije Univeriteit Brussel (VUB), Brussels, Belgium; Department of Youth Health Care, Katholieke Universiteit Leuven, Belgium; Hopital Garrahan, Buenos Aires, Argentina; Justice and Society, University of South Australia, Australia; Institute of Physiotherapy, Zurich University of Applied Sciences, Wintherthur, Switzerland; Department of Physical Therapy, Mongolian National University of Medical Sciences, Ulaanbaatar, Mongolia; Endocrine Research Laboratories, Universityof Munich, Germany; GRESPI, University of Reims Champagne Ardenne, France; The Morbid Obesity Centre-MOC, Vestfold Hospital Trust, Tonsberg, Norway; Faculty of Medicine, University of Oslo; Norway; Department of Clinical Science, University of Bergen, Norway; Adipositas Reha-Klinik Insula, Bischofwiesen, Oberbayern, Germany; Universidade Federalndos Vales do Jequitinhonha e Mucuri, Diamantina, Brazil; Motion Analysis Lab, La Tour Hospital, Meyrin, Switzerland; Faculty of Medicine, Universitas Hasanuddin, Makassar, Indonesia; Departamento de Educacion Fisica Y Deporte, Universidad de Sevilla, Spain; Escola Superior de Saude, Universidade Fernando Pessoa, Porto, Portugal; Schoen Klinik Berchtesgadener Land, Schonau am Konigsee, Germany; Department of Pulmonary Rehabilitation, Philipps-University of Marburg, Marburg, Germany; Institute of Aerospace Medicine, German Aerospace Center, Cologne, Germany; Department of Pediatrics and Adolescent Medicine, University of Cologne, Germany; Molecular Nerurobiology, Groningen Institute for Evolutionary Life Sciences, University of Groningen, The Netherlands; Department of Health and Exercise Science, University of Oklahoma, Norman, USA; School of Sport, Exercise and Nutrition, Massey University, Palmerstone, New Zealand; Faculty of Health Sciences, Australian Catholic University, Fitzroy, Australia; ecc.).


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

20 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
20 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).