Salta al contenuto principale

Ecografia dei nervi periferici

Pubblicato il 12/07/2017 - Aggiornato il 18/09/2017

Dott. Massimo De Guido

Staff Servizio Diagnostica per Immagini

Dott. Luca Maderna

Responsabile Centro Neurofisiologia - U.O. Neurologia e Stroke Unit - Auxologico San Luca

Responsabile Centro Tossina Botulinica - U.O. Neurologia e Stroke Unit - Auxologico San Luca

LE MALATTIE DEI NERVI PERIFERICI

Le patologie del sistema nervoso periferico sono molto frequenti, anche nei giovani, con sintomatologia a volte a decorso lento e priva di sintomi specifici nelle prime fasi.

Si passa da forme meno gravi ma molto frequenti, come ad esempio la sindrome del tunnel carpale o l’intrappolamento del nervo ulnare nel gomito, a patologie traumatiche del nervo (lesioni da taglio diretto, lesioni post-frattura o post-intervento chirurgico, a malattie più rare come i neurinomi o a maggior di gravità, come le neuropatie autoimmuni, dovute cioè a danni causati ai nervi dal sistema immunitario del paziente.

COME SI FA LA DIAGNOSI?

Attualmente la diagnosi e il monitoraggio si avvale principalmente dell’esame elettromiografico.  

Da alcuni anni è stata introdotto l’utilizzo delle ecografia a supporto e complementazione dell’esame elettromiografico.

QUALI SONO I VANTAGGI DELL'ECOGRAFIA?

Con l’ecografia, possiamo infatti andare direttamente a studiare la morfologia dei nervi del paziente, l’eventuale ipertrofia o le alterazioni strutturali, le eventuali compressioni di uno più tronchi nervosi, le patologie tumorali o le lesioni da taglio.

Pertanto l’utilizzo combinato dell’elettromiografia e dell’ecografia del nervo permette un miglioramento nella definizione delle patologie del nervo periferico e una più precisa localizzazione topografica del danno, favorendo così un più adeguato iter terapeutico .
Ciò comporta benefici più immediati per il paziente, con riduzione dei tempi di guarigione e conseguentemente riduzione dei costi sanitari.

SU QUALI NERVI VIENE ESEGUITA L'ECOGRAFIA DEL NERVO PERIFERICO?

L'esame viene eseguito sui nervi mediano ed ulnare.

DOVE IN AUXOLOGICO?

La prestazione viene eseguita presso Auxologico San Carlo a Milano.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).