Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • Giornata del Fiocchetto Lilla contro i DCA
    La testimonianza di una nostra paziente
    Approfondisci
  • MEDA
    AUXOLOGICO PARTECIPA AL PRESIDIO SANITARIO TERRITORIALE
    Approfondisci
  • SCOPERTO NUOVO GENE
    Gene responsabile della morte improvvisa nei giovani sportivi
    Approfondisci


Neuroftalmologia ed Elettrofisiologia Oculare





Responsabile:
Dott Stefania Bianchi Marzoli

Sede:
"Capitanio", Polo Chirurgico e Riabilitativo
Via Mercalli 28

Contatti:
Sig.ra Laura Cassia
Tel 02 5821.8505
Fax 02 5838.9716
e-mail neuroftalmologia@auxologico.it

Attività clinica:

Il Servizio di Neuroftalmologia si occupa della diagnosi e la cura delle patologie del sistema visivo afferente , dalla retina neurosensoriale alla corteccia visiva, e del sistema visivo efferente, dalla motilità oculare estrinseca alle strutture neurologiche che coordinano i movimenti oculari.

La complessa diagnosi differenziale include patologie di natura oftalmologica, neurologica, immunologica, neurochirurgica, ed endocrinologica. L’esame obiettivo neuroftalmologico include un’ attenta raccolta anamnestica ed una valutazione obiettiva quantitativa e qualitativa mediante esame completo del bulbo oculare e test specifici per la valutazione delle strutture correlate al sistema visivo afferente ed efferente (acuità visiva, sensibilità cromatica, sensibilità al contrasto, motilità oculare estrinseca e coniugata, attività palpebrale e pupillare e struttura della regione orbitaria).

La valutazione neuroftalmologica comprende l’analisi computerizzata del campo visivo, indispensabile per localizzare e quantificare i deficit della funzione visiva e monitorarne la progressione, e la valutazione strutturale mediante OCT (tomografia ottica a radiazione coerente) del nervo ottico e delle strutture retiniche.

La collaborazione con specialisti di diverse discipline è alla base dell’ attività clinica e si fonda su una maturata e consolidata interazione interdisciplinare (neurologia, immunologia, endocrinologia, neurochirurgia, neuroradiologia) con lo scopo di permettere un corretto inquadramento diagnostico, una adeguata gestione terapeutica e un follow-up clinico e strumentale di patologie complesse che richiedono l’apporto di molteplici competenze.

Campi di interesse clinico e di ricerca:
• Interessamento del sistema visivo secondario a patologie del sistema nervoso centrale ad eziologia vascolare, ereditaria, metabolica, degenerativa, demielinizzante e disimmune
• Patologie della retina neurosensoriale
• Malformazioni congenite del nervo ottico
• Drusen nervo ottico
• Neurite ottica demielinizzante e disimmune
• Neuropatia ottica ischemica (idiopatica e secondaria ad Arterite a cellule giganti)
• Neuropatia ottica compressiva
• Neuropatia ottica ereditaria (OPA1 e LHON)
• Neuropatia ottica traumatica
• Neuropatia ottica tossico-carenziale
• Tumori del nervo ottico (gliomi e meningiomi)
• Papilledema ed ipertensione intracranica idiopatica
• Patologie del chiasma ottico e della regione ipofisaria
• Patologia delle vie ottiche retro chiasmatiche
• Anisocoria e anomalie della reattività pupillare
• Miastenia oculare
• Paralisi nervi cranici oculomotori
• Patologie motilità oculare coniugata e nistagmo
• Orbitopatia tiroidea
• Patologie infiammatorie orbitarie
• Malformazioni vascolari orbitarie

Il Servizio di Elettrofisiologia Oculare si occupa dell’esecuzione e dell’analisi di esami strumentali che valutano l’integrazione strutturale e registrano la risposta elettrica ad uno stimolo visivo delle diverse strutture retiniche e del nervo ottico.

Gli esami, non invasivi, vengono eseguiti ambulatorialmente e sono indispensabili per l’inquadramento diagnostico e il monitoraggio di alcune patologie retiniche e del nervo ottico.

• Elettroretinogramma (ERG da flash) valuta la funzione del sistema scotopico e fotopico dell’intera retina (coni e bastoncelli)
• Elettroretinogramma multifocale (mf ERG) registra la risposta dei coni della regione maculare
• Elettrooculogramma (EOG) analizza la funzione dell’epitelio pigmentato retinico
• Elettroretinogramma da pattern (PERG) misura la risposta delle cellule ganglionari retiniche e dei coni della regione maculare
• Potenziali evocati visivi (PEV da pattern e da flash) registrano la conduzione dello stimolo visivo lungo il nervo ottico e la risposta delle aree cerebrali dedicate ala visione
• Imaging del Segmento Posteriore (Retinografie standard e in Autofluorescenza, OCT Spectralis) valuta l’integrità morfologica e metabolica della retina e dell’epitelio pigmentato retinico

Campi di interesse clinico e di ricerca:
• Distrofie retiniche ereditarie
(retinopatia pigmentosa, distrofia dei coni, malattia di Stargardt, distrofia di Best etc.)
• Retinopatie disimmuni
• Degenerazioni maculari
• Diagnosi e monitoraggio di retinopatie tossiche (es da idrossiclorochina)
• Patologie del nervo ottico


All’interno del Servizio di Neuroftalmologia ed Elettrofisiologia Oculare sono stati creati dei percorsi diagnostici e terapeutici mirati e multidisciplinari:

- Infiltrazione di tossina botulinica sotto guida elettromiografia per la correzione di strabismo paralitico o di tipo restrittivo.
- Ambulatorio integrato per la gestione clinica e terapeutica dell’orbitopatia tiroidea (TED) che prevede le seguenti valutazioni: visita neuroftalmologica per la definizione degli aspetti clinici di coinvolgimento delle strutture della regione orbitaria, visita endocrinologica per l’inquadramento e la gestione terapeutica della disfunzione della tiroide e valutazione oftlamoplastica per eventuale trattamento chirurgico decompressivo o palpebrale.
- Ambulatorio per lo screening della retinopatia da Idrossiclorochina nel’ambito del quale alla visita neuroftalmologica comprensiva di esame del campo visivo computerizzato, viene affiancata l’esecuzione di ERGmf e di Imaging del Segmento Posteriore indispensabili per valutare la funzione e la morfologia della retina prima di intraprendere la terapia sistemica con Idrossiclorochina, o come strumento di monitoraggio in corso terapia.
- Riabilitazione dei disturbi visivi secondari a lesioni delle vie ottiche posteriori (emianopsia) che prevede valutazione ed esami strumentali per la precisa definizione del difetto visivo ed un percorso riabilitativo in ambito ortottico e neuropsicologico.

Personale medico:
Stefania Bianchi Marzoli (Responsabile)
Dott Paola Ciasca
Dott Gabriella Cammarata
Dott Lisa Melzi
Dott Alessandra Criscuoli
Dott Gemma Tremolada

Ortottisti assistenti in Oftalmologia:
Dott Chiara Manclossi
Dott Laura Cossa 







(2014-03-24 10:02:39)