Elettrocardiogramma (ECG)

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Elettrocardiogramma (ECG)

A cura del Pensiero Scientifico Editore

CHE COS’È L’ELETTROCARDIOGRAMMA?

L’elettrocardiogramma (ECG) è un esame cardiologico di tipo strumentale che viene eseguito in ambulatorio, o a fianco del letto del paziente qualora si trovi in ospedale o a domicilio, mediante il quale è possibile registrare e visualizzare graficamente l'attività elettrica del cuore. Dalla successiva valutazione della rappresentazione grafica, il cardiologo ottiene indicazioni utili sullo stato del cuore.

A CHE COSA SERVE L'ECG?

L’elettrocardiogramma serve per misurare la frequenza cardiaca, alla ricerca di eventuali aritmie, di un aumento di dimensione delle camere cardiache, di squilibri elettrolitici, di turbe della conduzione. Attraverso l’elettrocardiogramma, il cardiologo è in grado di valutare l’eventuale presenza di alterazioni che potrebbero essere causate da malattie delle coronarie, come l’ischemia, o che comunque coinvolgono il cuore, come l’ipertensione arteriosa, la pericardite e lo scompenso cardiaco. L’elettrocardiogramma consente anche di rilevare le tracce di un precedente infarto.

L’elettrocardiogramma può essere eseguito a riposo (standard), con il paziente sdraiato sul lettino, o sotto sforzo, con il paziente che cammina su un tapis roulant o pedala su una cyclette. L’elettrocardiogramma sotto sforzo permette di individuare patologie cardiache latenti.

Vi è poi un terzo tipo di elettrocardiogramma, denominato elettrocardiogramma secondo Holter o dinamico, che offre la possibilità di monitorare la funzione cardiaca nell'arco di un certo periodo di tempo, in genere 24 ore.

COME SI SVOLGE?

L’esecuzione dell’elettrocardiogramma standard non prevede alcuna norma di preparazione.

Il paziente viene accolto nello studio medico e, dopo essersi parzialmente spogliato per liberare il torace e le caviglie, viene fatto stendere su un lettino. A questo punto, il tecnico procede a posizionare sul petto, sui polsi e sulle caviglie del paziente gli elettrodi che, attraverso fili elettrici, sono collegati a un apparecchio chiamato elettrocardiografo.

L’elettrocardiogramma ha inizio quando il tecnico aziona l’elettrocardiografo.

Durante l’esame, gli elettrodi captano l’attività elettrica originata dal cuore e la trasmettono attraverso i fili all’elettrocardiografo, che la elabora e la visualizza sotto forma di un tracciato grafico su carta. Il tracciato viene detto appunto elettrocardiogramma.

L’elettrocardiogramma ha una durata di pochi minuti, al termine dei quali il tecnico stacca gli elettrodi e il paziente può alzarsi e rivestirsi.

Nella fase immediatamente successiva, il cardiologo analizza e valuta il tracciato. Se l’elettrocardiogramma è normale, ne comunica immediatamente l’esito al paziente. Al contrario, se i risultati rilevano un'anomalia, potrebbe essere necessario ripetere l’esame e/o effettuare ulteriori indagini diagnostiche come, ad esempio, un ecocardiogramma.

EVENTUALI CONTROINDICAZIONI O RISCHI

L’elettrocardiogramma è un esame non invasivo e indolore che non presenta alcun tipo di controindicazione e non comporta rischi di alcun genere.

L’elettrocardiogramma sotto sforzo potrebbe, al contrario, essere controindicato per i pazienti che con insufficienza cardiaca grave.

ELETTROCARDIOGRAMMA NEI BAMBINI

L’elettrocardiogramma nei bambini è identico a quello eseguito in età adulta, con l’unica differenza che i criteri interpretativi sono diversi da quelli del normale ECG. Infatti, la metodologia di lettura di elettrocardiogramma pediatrico deve basarsi sulla considerazione che la morfologia di ECG normale varia con il variare dell’età. L’attività elettrica del cuore del bambino riflette i cambiamenti dell’emodinamica cardiaca che sono massimi nel primo mese di vita e che proseguono in parte per tutto il primo anno di vita e oltre. Un ECG pediatrico normale è un ECG la cui morfologia è congrua con l’età del piccolo paziente.

ELETTROCARDIOGRAMMA IN AUXOLOGICO

L'esame è disponibile presso gli ambulatori di cardiologia delle sedi.

CARDIOLOGIA IN AUXOLOGICO 

L’attività di Cardiologia e di Riabilitazione Cardiologica di Auxologico offre una risposta completa e di elevata qualità per tutti i problemi del cuore:

  • gestione delle urgenze cardiovascolari;
  • riabilitazione cardiologica dopo eventi acuti (infarto), interventi cardiochirurgici, o in pazienti affetti da scompenso cardiaco cronico;
  • cura e monitoraggio del paziente affetto da condizioni croniche come insufficienza cardiaca, ipertensione, aritmie;
  • prevenzione e diagnosi precoce dei fattori di rischio cardiovascolare.

L'esperienza pluridecennale, la direzione universitaria dei reparti, la multidisciplinarietà dell'approccio, e l'utilizzo delle migliori tecnologie per il trattamento e il monitoraggio dei pazienti, si coniugano con l'attività di ricerca scientifica portata avanti dai clinici e ricercatori di Auxologico per garantire l’applicazione delle strategie diagnostiche e terapeutiche più efficaci e per esplorare nuove soluzioni messe a disposizione dal progresso tecnologico.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI