Coronavirus: precauzioni per pazienti con Sindrome del QT Lungo

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Coronavirus: precauzioni per pazienti con Sindrome del QT Lungo

In relazione al rischio contagio da Covid-19, riteniamo opportuno informare che i pazienti affetti da Sindrome del QT lungo non sono da considerarsi, di per sé, a rischio aggiuntivo e non vi sono quindi precauzioni diverse da assumere rispetto a quanto già indicato a livello Nazionale alla popolazione generale.

FARMACI

I farmaci da evitare sono, come sempre, quelli elencati nella lista disponibile sull’app CredibilMeds® e sul sito www.azcert.org.

Tuttavia, una attenzione ancora maggiore a evitare il contagio è richiesta dal fatto che molte delle terapie che vengono ora impiegate per la cura dell'infezione da Covid-19 possono allungare, anche significativamente, l’intervallo QT.

Questo è particolarmente vero per l’associazione che in questi giorni viene usata più frequentemente, costituita da idrossiclorochina con azitromicina e lopinavir/ritonavir.

Si tratta di farmaci che bloccano la corrente IKr e allungano l’intervallo QT. Inoltre, gli antivirali utilizzati possono causare diarrea, altra condizione potenzialmente pericolosa per via della ipopotassiemia che potenzia l’effetto negativo sull’intervallo QT e favorisce tachiaritmie ventricolari.

Questo impone di monitorare e correggere, se necessario, la potassiemia. Nei pazienti con sindrome del QT lungo dovrebbe essere valutata attentamente la terapia da utilizzare, e quando è necessario fare associazioni di farmaci che allungano il QT monitorare attentamente i valori e bilanciare bene i rischi e benefici di tale terapia.

IL NADOLOLO E LA MEXILETINA

Il nadololo e la mexiletina sono farmaci che non hanno alcuna influenza su un eventuale contagio e la loro disponibilità non dovrebbe venire meno per via della situazione in corso. Si raccomanda pertanto di attenersi alle normali misure e raccomandazioni già note per i pazienti affetti da Sindrome del QT Lungo e a quelle nazionali per la popolazione generale.

Prof. Peter J. Schwartz | Prof.ssa Lia Crotti | Dr.ssa Silvia Castelletti | Dr.ssa Federica Dagradi

LEGGI LE ALTRE NEWS SUL CORONAVIRUS

DONA ORA: CON IL TUO AIUTO #CELAFAREMO

Auxologico sta affrontando l'emergenza Coronavirus operando in stretta sinergia con l’Unità di Crisi di Regione Lombardia per affrontare le necessità dei pazienti affetti da Covid-19 e allo stesso tempo continuare a sostenere la rete di emergenza urgenza cardio-neurologica e la presa in carico di pazienti riabilitativi.

Medici, infermieri e personale non sanitario sono in prima linea per offrire a tutti l'accoglienza e la cura più adeguata.

Le donazioni ci aiuteranno ad acquistare farmaci, dispositivi medici, dispositivi di protezione individuale e attrezzature sanitarie utili a fronteggiare il Covid-19, tra cui ventilatori polmonari per terapia intensiva e sub intensiva, maschere chirurgiche, maschere FFP2 e FFP3, occhiali e visiere protettive.

SCOPRI COME AIUTARCI