Prof. Alberto Zanchetti


Direttore Scientifico

Professore Ordinario di Medicina Interna (1975-2001), Professore emerito (2001 ad oggi), Direttore dell’Istituto di Clinica Medica (1981-1999), Direttore della Scuola di Specializzazione in Cardiologia II (1985-2000), Direttore del Centro di Fisiologia Clinica e Ipertensione (1982-2001), dal 1985 ad oggi Direttore Scientifico dell’Istituto Auxologico Italiano.

Dal 1995 Alberto Zanchetti è Editor-in-Chief del Journal of Hypertension di Londra, ed è menbro dell'Editorial Board di numerose altre riviste mediche di prestigio. E' membro di numerose società scientifiche nazionali ed internazionali; è stato Presidente della International Society of Hypertension, della European Society of Hypertension, della Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa, della European Society for Clinical Investigation, dello Working Group on Hypertension and the Heart della European Society of Cardiology.

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Parma, Alberto Zanchetti è stato assistente presso l'Istituto di Fisiologia Umana dell'Università di Pisa, sotto la direzione di Giuseppe Moruzzi e presso l'Istituto di Patologia Medica dell'Università di Siena, sotto la direzione di Cesare Bartorelli.

Fellow della Rockefeller Foundation alla University of Oregon School of Medicine (USA).

Dal 1967 è all'Università di Milano, dove è stato Professore ordinario di Semeiotica Medica, poi di Patologia Medica ed infine di Clinica Medica. Presso l'Università di Milano ha diretto l'Istituto di Clinica Medica dal 1981 al 2001, il Centro di Fisiologia Clinica e Ipertensione (1982-2001), e la II Scuola di Specializzazione in Cardiologia (1984-2000).

Attualmente è Professore Emerito dell'Università di Milano e Direttore Scientifico dell'Istituto Auxologico Italiano di Milano.

Gli studi di Alberto Zanchetti sono stati soprattutto rivolti alla fisiopatologia, clinica e terapia dell'ipertensione arteriosa e delle malattie cardiovascolari, e al controllo nervoso della circolazione e delle funzioni renali. In questi campi ha pubblicato oltre 1000 articoli su riviste internazionali, trattati e monografie.

E’ stato coordinatore (2006-2011) di un Network of Excellence finanziato dalla Commissione Europea per lo studio della genetica dell'ipertensione arteriosa e delle sue complicanze (InGenious HyperCare).

Il nome di Alberto Zanchetti è associato a tutti i maggiori progressi scientifici e clinici che, negli ultimi cinquant'anni, hanno segnato i successi della terapia dell'ipertensione nella prevenzione delle malattie cardio-e cerebrovascolari.

Esperto in fisiopatologia, clinica e terapia dell’ipertensione arteriosa e malattie cardiovascolari.

Oltre 1000 pubblicazioni su riviste medico-scientifiche censite internazionalmente.

E’ tra i 6 ricercatori italiani inclusi nella lista mondiale dei ricercatori biomedici più influenti.

Membro di numerose società scientifiche nazionali ed internazionali; è stato Presidente della International Society of Hypertension, della European Society of Hypertension, della Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa, della European Society for Clinical Investigation, dello Working Group on Hypertension and the Heart della European Society of Cardiology. Membro Onorario di: American Heart Association (Council of Clinical Cardiology), Swedish Society of Hypertension, Sociedad Espanola de Ipertension Arterial, Sociedad Peruana de Cardiologia, Hungarian Society of Hypertension, e dell’ Academie Royale de Medicine de Belgique. Membro del Comitato di redazione delle linee guida sull’ipertensione (2003, 2007, 2013) della European Society of Hypertension – European Society of Cardiology. Membro della Commissione Sviluppo Sanità della Regione Lombardia dal 2013.

Per oltre vent'anni è stato consulente per le malattie cardiovascolari dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, e dal 1978 ha partecipato alla redazione di tutte le principali Linee Guida per l'Ipertensione Arteriosa dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, dell'International Society of Hypertension e della European Society of Hypertension-European Society of Cardiology.

Ha dato inizio nel 1983 agli European Meetings on Hypertension, che tuttora la European Society of Hypertension tiene a Milano ogni due anni.

Tra i premi ricevuti : il Premio Marzotto per la Medicina, il Premio Riva-Rocci della Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa, l'International Achievement Award dell'American Heart Association, l'International Lecture Award della British Cardiac Society, il Volhard Lecture Award della International Society of Hypertension, l'Henry Denolin Lecture Award della European Society of Hypertension.

Ha ricevuto il titolo di Dottore Honoris Causa della Universidad de Guadalajara (Messico), e della Università di Medicina e Farmacia Carlos Davila di Bucarest (Romania) ed è Professore Onorario della Pontificia Universidad Catolica de Chile. E' Membro Onorario Straniero della Académie Royale de Médecine de Belgique, della Deutsche Gesellschaft für Innere Medizin, della Academy of Medical Sciences of Ukraine; è membro d'onore del Council of Clinical Sciences della American Heart Association, del Council of High Blood Pressure Research of Australia, della Swedish Society of Hypertension, della Deutsche Liga zur Bekämpfung des Hohen Blutdruckes, della Sociedad Española de la Hipertension Arterial, della Sociedad Andalusa de la Hipertension Arterial y Riesgo Cardiovascular, della Sociedad Catalana de la Hipertenson Arterial, della Hungarian Society of Hypertension, della Polish Society of Hypertension, della Greek Society of Hypertension, della Philippines Society of Hypertension, della Sociedad Venezuelana de Hipertension, della Sociedad Chilena de Hipertension, della Sociedad Peruana de Cardiologia, della South African Society of Hypertension, della Latin America Society of Hypertension, della Central American and Caribbean Society of Hypertension nonché della Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa, della International Society of Hypertension e della European Society of Hypertension, il Premio Galeno 2008.