Tc coronarica (tac coronarica)

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

  Tc coronarica (tac coronarica)

Articolo realizzato in collaborazione con Clorofilla-Editoria Scientifica

COS'È LA TC CORONARICA?

La TC coronarica (TAC) è un esame diagnostico di tipo radiologico molto accurato, che può prevedere l’utilizzo di un mezzo di contrasto e consente l’esplorazione delle coronarie e della cavità cardiaca e un esame dello stato delle pareti dei vasi. Mediante la tomografia assiale del cuore è possibile infatti valutare l’anatomia delle coronarie, ovvero le arterie che portano sangue e ossigeno al cuore, per individuare precocemente eventuali occlusioni o restringimenti (stenosi) e placche aterosclerotiche che possono causare riduzioni significative del flusso sanguigno al muscolo cardiaco.

La TAC coronarica senza mezzo di contrasto individua, invece, soltanto la presenza di placche aterosclerotiche calcificate.

CHE TIPO DI PATOLOGIE È IN GRADO DI RILEVARE?

La TC coronarica è impiegata per diagnosticare la malattia coronarica (o coronaropatia, cioè il disturbo che comporta un’ostruzione parziale o totale del flusso sanguigno al cuore), e la vasculite coronarica (l’infiammazione dei vasi arteriosi che arrivano al cuore). Inoltre, rileva eventuali alterazioni nell’anatomia del primo tratto dell’aorta e delle coronarie.

La TC coronarica è in grado quindi di rilevare in modo precoce e specifico la necessità di un intervento di angioplastica, che consente di dilatare la stenosi e consentire il flusso sanguigno regolare, o di un bypass coronarico, ossia un intervento che permette di creare nuove vie per consentire l’apporto al cuore di sangue arterioso nel caso in cui le coronarie siano ostruite e non sia possibile un’angioplastica.

PER QUALI PATOLOGIE È INDICATA LA TAC CORONARICA?

La TC coronarica è prescritta in caso di sospetta ostruzione o stenosi delle coronarie, in presenza di alto rischio di aterosclerosi e coronaropatia, in caso di insufficienza cardiaca e nei pazienti con cardiomiopatia dilatativa, una patologia che diminuisce la capacità del cuore di pompare sangue.

È un accertamento indicato anche per valutare la necessità di procedere a una rivascolarizzazione mediante stent o bypass e per il follow up di controllo dei pazienti rivascolarizzati chirurgicamente.

È prescritta come eventuale ulteriore accertamento dopo un elettrocardiogramma, una prova da sforzo o una scintigrafia (esame che consente di valutare l’afflusso sanguigno al cuore sfruttando le radiazioni emesse da un radiofarmaco iniettato in endovena).

QUALI SONO I VANTAGGI?

È un esame molto preciso e ha una maggiore accuratezza rispetto ad altre indagini diagnostiche e cliniche. Grazie alla Tc coronarica, infatti, è possibile un’acquisizione nel dettaglio di sezioni anatomiche ultrasottili dei vasi coronarici e la loro ricostruzione in ogni piano dello spazio, creando una sorta di fermo immagine del cuore.

La TC coronarica, inoltre, permette in molti casi di evitare altri accertamenti più invasivi e rischiosi, come la coronarografia, che prevede l’inserimento dall’arteria femorale, dalla radiale (a livello del polso) o da quella brachiale (a livello del gomito) di un catetere che viene fatto scorrere fino all’imboccatura di una coronaria. L’iniezione di un mezzo di contrasto consente di valutarne lo stato e di individuare eventuali ostruzioni o restringimenti.

Infine, grazie alle moderne tecnologie, la dose di raggi X utilizzati per la Tac coronarica è molto ridotta rispetto al passato.

COME SI SVOLGE LA TAC CORONARICA?

Il paziente viene fatto sdraiare sul lettino scorrevole dell’apparecchiatura: deve restare immobile per tutto il tempo dell’esame (che ha una durata tra i 10 e i 30 minuti), seguendo le indicazioni sulla respirazione che vengono fornite dal radiologo operatore.

L’esame non è doloroso. In caso venga effettuata con mezzo di contrasto (che viene iniettato prima di iniziare la procedura), si può avvertire una sensazione di calore e un gusto amaro e metallico in bocca.

NORME DI PREPARAZIONE

All’appuntamento per l’esame occorre portare con sé i referti dei precedenti accertamenti, tra cui le analisi del sangue, in particolare quelle relative ai valori di creatinina e urea. Prima di sottoporsi all’indagine è necessario il digiuno da almeno 6 ore. L’esame si effettua indossando un camice fornito dalla struttura sanitaria ed è necessario rimuovere eventuali oggetti metallici (gioielli, piercing, protesi mobili).

TAC CORONARICA IN AUXOLOGICO

Auxologico dispone di tecnologiche TC molto avanzate.
Per maggiori informazioni consulta la pagina sul Servizio Diagnostica per Immagini

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI