Laboratorio Sperimentale di Ricerche sull’Obesità

Laboratori di ricerca Auxologico
Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

Laboratorio Sperimentale di Ricerche sull’Obesità

    ATTIVITÀ DI RICERCA

    Ruolo di diversi approcci dietetici e di interventi terapeutici sullo stile di vita o farmacologici in malattie infiammatorie croniche come l'obesità e le complicanze cardio-metaboliche che vi si associano. L’attività di ricerca si basa su studi sia clinici che di base per confermare ipotesi formulate dai risultati clinici. L’integrazione di studi clinici e di base è garantita dalla possibilità di raccogliere ampie coorti di pazienti obesi di età adulta e pediatrica, di collaborare con gli altri laboratori sperimentali di ricerca dell’Istituto in particolare i laboratori delle sedi lombarde di biologia molecolare e di ricerche cardiologiche ed il laboratorio di ricerche metaboliche, il laboratorio di ricerche psicologiche ed il laboratorio di riabilitazione biomeccanica ed ergonomia delle sedi piemontesi.

    Studi clinici:

    • epidemiologici (su complicanze cardio-metaboliche dell’obesità in età adulta e pediatrica e fattori di rischio che le determinano); 
    • longitudinali per verificare l’efficacia a lungo termine degli interventi terapeutici nel prevenire complicanze cardio-metaboliche;
    • ricerca di biomarcatori di complicanze cardio-metaboliche o di rischio di svilupparle nei liquidi biologici; 
    • studio delle relazioni tra condizioni cliniche e microbiota intestinale ed effetto della dietoterapia sul microbiotavalidazione di questionari per identificare soggetti con eccessivo consumo di sale e per verificare la consapevolezza del soggetto obeso sui corretti stili di vita; 
    • studi sulle relazioni tra sovrappeso e alterazioni sensoriali (gusto, olfatto).

    Ricerca di base: studio sui meccanismi che negli esseri umani inducono lo stato di infiammazione cronicala conseguente disfunzione della cellula adiposa. Gli studi volgono a decifrare i processi cellulari e molecolari alla base dello sviluppo del danno dell’organo adiposo che passa attraverso la disfunzione delle cellule che lo compongono (adipociti e cellule stromali). Tra questi vengono analizzati gli effetti dei metaboliti della dieta (come gli acidi grassi a catena corta) sulla biologia adipocitaria ed il ruolo dei recettori gustativi nei depositi adiposi.

    Il laboratorio di ricerche sull’obesità dispone di una banca di tessuti adiposi umani (di soggetti obesi e non obesi) che attualmente consta di più di 300 prelievi bioptici. Le metodiche utilizzate sono prevalentemente tecniche di biologia cellulare (microscopia ottica e confocale, western blotting, ELISA) e molecolare (DNA, RNA, epigenetica con arrays o saggi in RTqPCR).

    MALATTIE OGGETTO DI RICERCA  

    • obesità dell'adulto e del bambino; 
    • complicanze dell’obesità (ipertensione arteriosa, dislipidemia, iperglicemia, apnee notturne)

    RISULTATI DI PARTICOLARE IMPORTANZA RAGGIUNTI

    • aver fornito i primi dati su prevalenza e trend di intolleranza glucidica, ipertensione arteriosa, sindrome metabolica nei bambini e adolescenti obesi in Italia;
    • aver proposto la prima definizione di sindrome metabolica adattata al bambino ed il ruolo di insulino sensibilità e secrezione beta cellulare sul compenso glucidico e dei fattori metabolici sulla pressione arteriosa del bambino obeso;
    • partecipazione alla stesura delle European Society of Hypertension guidelines for the management of high blood pressure in children and adolescents (2009 e 2016);
    • dimostrazione dell’influenza della metformina sulla biologia adipocitaria umana;
    • dimostrazione del possibile ruolo patogenetico o protettivo del tessuto adiposo viscerale nelle malattie infiammatorie croniche intestinali;
    • aver identificato una nuova mutazione nel gene della POMC implicata nello sviluppo di diabete di tipo 2.
    • aver dimostrato quale sia la migliore equazione predittiva di spesa energetica a riposo su cui basare la dietoterapia
    • aver dimostrato che le apnee ostruttive notturne rappresentano uno stato di pseudofeocromocitoma

    PRINCIPALI COLLABORAZIONI A NETWORK DI RICERCA

    • Rete di ricerca della Società Italiana di Diabetologia;
    • European members in charge of the 2016 European Society of Hypertension guidelines for the management of high blood pressure in children and adolescents;
    • Gruppo di studio CARdiometabolic risk factors in overweight and obese children in ITALY” (CARITALY);
    • Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione, l'Ambiente dell’Università di Milano (Prof Ella Pagliarini);
    • Rete Cardiovascolare Ministero della Salute (per lo studio dei principali fattori di rischio cardiovascolare: Diabete, ipertensione arteriosa e dislipidemie);
    • University of Warwick, Coventry  Diabetology, Clinical Immunology, Nutritional Biochemistry (Philip G McTernan).