La Psicoterapia online è efficace? La risposta da uno studio scientifico

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott.ssa Barbara Poletti

Responsabile Centro Neuropsicologia - U.O. Neurologia e Stroke Unit - Auxologico San Luca

La Dott.ssa Barbara Poletti, Responsabile del Centro Neuropsicologia di Auxologico, ha partecipato a uno studio scientifico nel quale sono emersi gli aspetti positivi e le criticità di una modalità terapeutica a distanza.

LA PSICOTERAPIA A DISTANZA

La necessità di adottare misure di distanziamento sociale a causa della drammatica diffusione di COVID-19 ha fortemente limitato lo svolgimento dell’attività di psicoterapia in presenza.

L’adozione di una modalità terapeutica a distanza, tramite internet, potrebbe garantire continuità terapeutica con i pazienti in carico e permetterebbe di raggiungere tutti coloro che potrebbero beneficiare di supporto in questo momento di difficoltà.

La drastica modificazione dello stile di vita e la minaccia del contagio potrebbero infatti portare all’insorgere di importanti manifestazioni psicopatologiche, così come è stato messo in evidenza durante epidemie virali simili a quella attuale (Brooks et al., 2020).

LA TELEPSICOTERAPIA È  EFFICACE?

Tuttavia, possiamo considerare la telepsicoterapia come valida alleata in questo momento di emergenza?

Questo studio ha avuto lo scopo di raccogliere e sintetizzare le evidenze scientifiche più recenti riguardo questa modalità terapeutica; in particolare, per quanto riguarda l’efficacia, i fattori che possono influenzarne la riuscita e le attitudini di terapeuti e pazienti. 

Come è emerso dall’analisi dei 17 lavori inclusi nella revisione, nonostante lo scetticismo di terapeuti e pazienti, la telepsicoterapia può rappresentare un’efficace alternativa alla terapia tradizionale. In particolare, tale efficacia è stata riportata anche in merito a condizioni psicopatologiche tipicamente associate allo scoppio di epidemie virali, come ansia, depressione e disturbo post-traumatico da stress

LEGGI ANCHE L'UMORE: COME PRENDERSENE CURA

DA UNA MODALITÀ TERAPEUTICA IN PRESENZA A UNA ONLINE:  LA DIFFICOLTÀ DEL PASSAGGIO

Così come per la terapia in presenza, la continuità terapeutica nel tempo e un’appropriata gestione delle aspettative del paziente sembrano favorirne l’efficacia, al contrario, una scarsa familiarità con la tecnologia e gli strumenti di comunicazione on-line, così come l’incombenza di problemi tecnici durante le sedute, sono stati riconosciuti come possibili minacce alla riuscita terapeutica.

Non di meno, nel contesto specifico, la necessità di un’inaspettata transizione da una modalità terapeutica all’altra potrebbe risultare destabilizzante, in particolare per quanto riguarda la possibilità di ricreare l’intimità e la sicurezza del setting terapeutico in presenza.

Tuttavia, riteniamo che una solida alleanza terapeutica potrebbe favorire la transizione, rendendo la telepsicoterapia un efficace mezzo di supporto in un contesto di grande vulnerabilità come quello che ci troviamo ad affrontare. 


Telepsychotherapy: a leaflet for psychotherapists in the age of COVID-19. A review of the evidence
Barbara Poletti, Sofia Tagini, Agostino Brugnera, Laura Parolin, Luca Pievani, Roberta Ferrucci, Angelo Compare & Vincenzo Silani.

LEGGI LA PUBBLICAZIONE SCIENTIFICA