Non mettere in quarantena le relazioni

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott.ssa Anna Guerrini Usubini

Staff Servizio Psicologia Clinica

Dott. Roberto Cattivelli

Staff Servizio Psicologia Clinica

La chiusura delle scuole, delle principali agenzie educative, la sospensione delle attività lavorative, o l’affermarsi delle nuove forme di lavoro intelligente, nel giro di poche settimane hanno radicalmente cambiato la quotidianità di tanti, “costringendo” genitori e figli a interrompere momentaneamente le proprie abitudini di vita.

In un momento come questo siamo chiamati a svolgere un compito apparentemente molto difficile, ma che si può rivelare un’opportunità di riscoperta e cura delle relazioni familiari, ovvero quello di ricostruire una nuova quotidianità.

Abbiamo chiesto agli psicologi di Auxologico qualche proposta utile per far fronte a questa nuova condizione.

ACCOGLIERE LO STRESS

Innanzitutto, accogli i vissuti di stress che facilmente si sperimentano in questi giorni. È probabile percepire di non riuscire a gestire la nuova riconfigurazione delle giornate, a portare avanti al meglio le proprie attività, visti gli impedimenti a raggiungere i posti di lavoro e contemporaneamente gestire i propri figli a casa.  

Tutto ciò è normale. È la diretta conseguenza di un momento di emergenza che ha fortemente inciso sulla vita di tutti, andando a rompere quel difficile equilibrio che caratterizzava le proprie giornate.

LEGGI ANCHE: LA PSICOLOGIA DEL CORONAVIRUS

ACCETTARE LE EMOZIONI

Accetta queste emozioni e poi lasciale andare, impegnandoti nel riconfigurare la tua quotidianità, nella maniera più adatta a te. Non esiste una regola precisa che vada bene per tutti, ciascuno può trovare la giusta soluzione per sé e per la propria famiglia.

Prenditi cura di te stesso e delle tue relazioni in casa tenendo presente alcuni punti fondamentali:

  • dedica uno spazio e un tempo a svolgere attività che coinvolgano tutti i membri della famiglia, ad esempio riscoprire il piacere di mangiare tutti insieme a tavola, di cucinare insieme, di fare attività fisica;
  • dai degli appuntamenti, invitando tutti i membri della famiglia a rispettarli, saranno momenti che fungeranno da contenitori emotivi in cui far emergere e condividere i propri vissuti personali e per ritrovare l’amore di chi ti sta vicino;
  • gestisci in maniera funzionale la conflittualità. Essa potrebbe emerge in un momento come questo, più che in altri, soprattutto perché non si è abituati a condividere così tanto tempo insieme. Trova un momento per parlarne e poi ridirezionare le energie verso altri obiettivi. Nonostante gli scontri, i rapporti non si indeboliranno, ma vivranno una rinnovata vitalità.

LEGGI: 9 CONSIGLI PER NON LASCIARSI ANDARE

GESTIRE LE RELAZIONI DI COPPIA

Rifletti su quanto i mille impegni spesso ti allontanano dal tuo partner, dalle attenzioni di cui necessita e da quelle che tu stesso desideri ricevere. Riscoprile e conceditele. La comunicazione all’interno della coppia è fondamentale: parlate, ascoltate, esprimete i vostri pensieri e le vostre emozioni, nella coppia, questo vi renderà più uniti.

COME AIUTARE I FIGLI AD AFFRONTARE QUESTO MOMENTO

Pensa ai tuoi figli, anche loro si sono ritrovati catapultati in una nuova quotidianità, spesso senza aver avuto il tempo di capire che cosa è successo. Tenderanno a fronteggiare questo momento di stress a loro modo, con iper-attivazione, lamentele, richieste continua di attenzioni che un genitore conosce bene e che teme di non riuscire a gestire. Ecco qualche consiglio.

  • Spiegagli quello che succede: da' loro spiegazioni semplici e chiare, veicolate attraverso un linguaggio che sia per loro comprensibile. Questo li tranquillizzerà.
  • Cerca di ricostruire per loro una nuova routine, dopo che quella a cui erano abituati è stata rotta. I bambini hanno bisogno di regole e di stabilità entro cui imparare a stare.
  • Dai continuità, per quanto possibile, alle attività che solitamente impegnano i tuoi figli. Decidi quale momento della giornata dedicare ad esempio, allo svolgimento dei compiti o ad altre attività che solitamente li coinvolgono e che possono essere riprodotte anche tra le mura domestiche.
  • Gioca, fai un disegno insieme a loro: agli occhi di un adulto il gioco può rappresentare una semplice attività ricreativa, ma per un bambino è occasione di apprendimento e di sviluppo tanto cognitivo quanto emotivo. Attraverso il gioco e il disegno esprimeranno e impareranno a gestire le loro emozioni.
  • Lascia che i tuoi figli sperimentino la noia: è una condizione un po' spiacevole, ma fondamentale perché dà l’opportunità di far emergere i bisogni e alimenta l’esplorazione di sé e la scoperta di nuovi interessi e passioni.
  • Parla con i tuoi ragazzi adolescenti, impara ad ascoltarli, pur rispettando i loro spazi e il loro bisogno di indipendenza, che è naturale in questa fase di vita.

Infine, non perdere di vista la tua individualità e il piacere di dedicarti ad attività che ami, che ti rilassano, prendendo del tempo per te. Questo ti aiuterà a non sentirti soffocare dalle contingenze, e a ristabilire un contatto con te stesso.

TUTTI GLI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS