Salta al contenuto principale

Intolleranza ai lieviti: quando a lievitare è la pancia

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott.ssa Simona Ferrero

Responsabile Centro Cefalee - Auxologico San Luca

Un eccesso di cibi contenenti lievito può danneggiare l'equilibrio del nostro corpo, causando gonfiore e altri disturbi. In un'intervista ad Alimentazione Naturale, la Dott.ssa Simona Ferrero svela come possiamo evitarlo.

LIEVITI: DOVE SI TROVANO?

Il processo di fermentazione è dovuto a particolari microorganismi (a tutti gli effetti, piccolissimi funghi) detti lieviti: il pane e la maggioranza dei prodotti da forno, ma anche formaggi, vino e molti altri prodotti che consumiamo ogni giorno sono ottenuti grazie al loro aiuto.

Sono moltissimi quindi gli alimenti interessati da un processo di lievitazione o fermentazione, che possono causare disagi a chi è intollerante ai lieviti.

QUALI SONO I SINTOMI DELL’INTOLLERANZA AI LIEVITI?

L’intolleranza ai lieviti si caratterizza spesso per la comparsa di alcuni sintomi come:

  • spossatezza;
  • mal di testa;
  • candidosi;
  • eczemi;
  • gonfiore addominale;
  • diarrea o stipsi;
  • ritenzione idrica;
  • dolori osteoarticolari.

Ma l’intolleranza ai lieviti provoca anche un’alterazione del microbiota, generando un disturbo chiamato disbiosi intestinale, che comporta cattivo assorbimento dei cibi e infiammazione della mucosa intestnale, e può arrivare a intaccare il sistema immunitario.

LIEVITI, COME LI EVITI?

La nostra alimentazione è composta da moltissimi alimenti contenenti lieviti o che comunque hanno subito un processo di fermentazione: è possibile che il nostro organismo a un certo punto dica… basta!

Per disintossicarsi dall’eccesso di alimenti a base di lieviti è possibile ricorrere, con l’aiuto di un medico specialista, alla dieta di eliminazione: un periodo di 1 - 2 mesi in cui si sospende l’assunzione degli alimenti incriminati, che andranno poi reintrodotti uno per volta.

Ma quali sono questi alimenti?

A seconda del quadro clinico e dei disturbi, può essere indicata la sospensione o la limitazione nell’assunzione di:

  • tutti quegli alimenti che includono lievito madre, lievito di birra e lievito chimico;
  • formaggi: durante i processi caseari e la stagionatura infatti si sviluppano spontaneamente batteri e muffe che fanno parte della categoria dei lieviti.
  • tofu e margarina, come per i formaggi;
  • birra, vino, superalcolici e bibite zuccherate sono soggette a fermentazione;
  • anche tè nero e caffè subiscono un processo di fermentazione durante la lavorazione. Via libera invece a tè verde, tisane e karkadè.
  • ci sono poi altri alimenti che contengono lieviti o comunque hanno subito un processo di fermentazione, tra cui molte salse come quella di soia, ma anche maionese (industriale) e senape;
  • Sono da evitare inoltre yogurt, aceto, verdure in salamoia, conserve, dadi da brodo granulari e non, pomodori in scatola, carne affumicata, miele, kefir, cioccolato, funghi e tartufi;
  • infine alcuni frutti come uva, susine, fichi, datteri, prugne e albicocche - che  fermentano spontaneamente - e la frutta secca in genere.

QUANDO È POSSIBILE NOTARE I PRIMI MIGLIORAMENTI?

Già a partire dai primi 3 giorni dall’eliminazione degli alimenti contenenti lieviti sarà possibile avvertire un miglioramento generale e un aumento del proprio benessere, inclusa una minore ritenzione idrica.

E DOPO?

Trascorso il periodo di “disintossicazione”, sarà possibile reintrodurre gradualmente gli alimenti, uno alla volta e a distanza di almeno 5 giorni l’uno dall’altro, nella nostra alimentazione.

In questo modo sarà possibile verificare se qualche alimento in particolare provoca ancora disturbi e quindi considerare se sia da rimuovere definitivamente dalla nostra dieta.

Trascorso questo periodo però, occorre tornare ad un’alimentazione sana, cioè equilibrata e varia.

NO AL FAI-DA-TE

È importante non affrontare questo percorso - e in generale nessun percorso che implichi modifiche sostanziali alla nostra alimentazione - senza l’aiuto e il consiglio del medico: solo lo specialista infatti può impostare un iter diagnostico e la relativa dieta su misura per ciascun paziente.

IL SERVIZIO DIETOLOGIA E NUTRIZIONE CLINICA DI AUXOLOGICO

Il Servizio di Dietologia e Nutrizione Clinica offre un’assistenza dietologica completa e specialistica, con un approccio di tipo multidisciplinare e la presenza di figure quali nutrizionista, dietista, laureato in scienze motorie, finalizzato all’impostazione di un corretto stile di vita attraverso la correzione della dieta e l’adozione di stili di vita sani.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).