La corretta prevenzione e cura dell'occhio

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott. Fulvio Bergamini

Direttore U.O. Oculistica - Auxologico Capitanio

Direttore Centro Glaucoma

Direttore Centro Chirurgia della Cataratta

Direttore Centro Ecografia Oculare

Direttore Centro Chirurgia Oftalmoplastica

Direttore Centro Chirurgia Vitreo-retinica

Direttore Centro Retina

Direttore Centro Ortottica e Assistenza Oftalmologica

Direttore Centro Immunopatologia Oculare

Direttore Centro Cornea

Direttore Centro Oculistica Pediatrica

QUANDO FARE LA VISITA OCULISTICA?

Tutti i bambini dovrebbero effettuare la prima visita oculistica insieme all'esame ortottico intorno ai 4 anni di età  e ripetere la visita una volta all’anno, o in base alle indicazioni dell’oculista curante. Questo permette di valutare lo stato funzionale dell'occhio e di scoprire eventuali difetti refrattivi come miopia, ipermetropia, astigmatismo e ambliopia (occhio pigro)  in modo da poterli correggere con occhiali, lenti a contatto o eventuale occlusione.

Anche in età adulta è importante fare visite oculistiche, soprattutto a partire dai 40 anni, età in cui i rischi di patologie gravi aumentano e si inizia ad avere piccoli problemi nella visione da vicino (presbiopia)  che si possono correggere con occhiali.

PERCHÈ FARE LA VISITA OCULISTICA?

È importante fare la visita oculista per poter valutare cornea, cristallino, pressione intraoculare, retina e nervo ottico.

Il cristallino tende con il tempo a perdere la sua trasparenza, sviluppando quella che è definita cataratta. La quale, nel momento in cui limita la qualità di vita del paziente, richiede un intervento chirurgico.

La pressione dell’occhio  ha normalmente un valore che può oscillare tra i 10 e 22 millimetri di mercurio. L’aumento della pressione intraoculare associato ad un danno del nervo ottico viene definito glaucoma. Il glaucoma è una malattia subdola perché asintomatica, che però, se non diagnosticata e trattata, determina una riduzione del campo visivo (spazio percepito intorno all'occhio).

La visita oculistica permette inoltre di valutare lo stato delle arterie, delle vene e della retina.

I vasi dell’occhio sono tra i più piccoli del nostro organismo. Quando il paziente presenta patologie come ipertensione e diabete le prime alterazioni si possono rilevare proprio a livello della microcircolazione retinica. E’ quindi importante esaminare il fondo dell’occhio al fine di fornire all’internista o cardiologo indicazioni per ulteriori accertamenti.

Studiando il fondo dell’occhio si effettua anche la valutazione della macula (piccola area retinica che permette la visione distinta). La maculopatia è una delle cause più frequenti di compromissione della vista dopo i 70 anni. Per diagnosticarla e trattarla è importante valutare la macula ed eventualmente eseguire esami diagnostici come OCT (Optical Coherence Tomography), Angio-OCT, fluorangiografia e angiografia con verde di indocianina.

IL GLAUCOMA

Il glaucoma è una patologia subdola e misconosciuta al paziente.

È una malattia del nervo ottico che comporta una perdita caratteristica delle fibre e una riduzione del campo visivo.

È fondamentale, qualora ci sia familiarità o un dubbio sull’aumento della pressione dell'occhio, fare degli accertamenti specifici quali:

  • pachimetria corneale; valuta lo spessore della cornea (che rimane costante per tutta la vita);
  • curva tonometrica; misurazione della pressione dell’occhio durante l’arco della giornata (deve essere eseguita alle ore 7.30, alle 12, alle 16 e alle 19). La pressione dell’occhio varia durate la giornata e una sola misurazione estemporanea non permette una valutazione corretta. Questo esame può essere essere eseguito 2 o 3 volte all’anno ed è strettamente legato alla patologia, alla terapia e allo specialista che lo eseguirà;
  • campo visivo; si effettua con strumenti computerizzati, che presentano stimoli luminosi standardizzati. Il paziente fissa una mira centrale ed è chiamato a premere un pulsante ogni volta che vede uno stimolo luminoso, anche se di tenue intensità, nello spazio davanti a sé;
  • hrt; esame che studia le fibre che costituiscono il nervo ottico.

Questi esami sono non invasivinon dolorosi e permettono di limitare i danni indotti dal glaucoma.

LA RETINOPATIA DIABETICA

La retinopatia diabetica è una complicanza oculare del diabete.

È dovuta ad un danno ai vasi sanguigni retinici. Può svilupparsi in tutti coloro che soffrono di diabete di tipo 1 e di tipo 2. Il rischio che si sviluppi retinopatia diabetica è associato all’età d’insorgenza del diabete e al controllo della glicemia.

L’esame con cui si è sempre studiata la retinopatia diabetica è la fluorangiografia. Questa viene eseguita iniettando fluoresceina per via endovenosa; questo colorante si distribuisce in modo omogeneo nelle vene e nelle arterie e permette di cogliere le alterazioni che il diabete produce.

Oggi la fluorangiografia è sempre più sostituita da oct e angio oct, esami, non invasivi, che permettono di studiare la microcircolazione e fornire al diabetologo indicazioni precise sulla necessità di cambiare la terapia medica, dietetica o insulinica.

LA CATARATTA

La cataratta è una patologia molto comune che fa parte del normale processo d’invecchiamento.

La cataratta consiste nell’opacizzazione del cristallino e, in base alla tipologia, può determinare difficoltà nella visione notturna, visione annebbiata o sfuocata, fotosensibilità, abbagliamento, percezione di aloni attorno alle luci e visione doppia.

L’intervento di cataratta è tra gli interventi più eseguiti al mondo. Viene effettuato generalmente senza ricovero con solo alcune gocce di collirio come anestesia locale. Il paziente, pur rimanendo sveglio durante l’intervento non avverte alcun dolore. La tecnica utilizzata è la facoemulsificazione che può oggi garantire un immediato recupero visivo ed una notevole riduzione delle complicanze. L’intervento dura generalmente circa 15 – 30 minuti a seconda della procedura utilizzata e dopo poche ore il paziente può fare ritorno a casa. È una procedura che è consigliato effettuare non appena la trasparenza del cristallino interferisce con la qualità di vita.

Il paziente che ha una visione non ottimale, infatti, tende a chiudersi in se stesso e a limitare le sue abituali attività; l'intervento permette di cambiare qualitativamente la vita del paziente.

OCULISTICA IN AUXOLOGICO

L'attività clinica di Oculistica e Chirurgia Oculistica di Auxologico copre in modo completo tutte le esigenze legate alla salute e al buon funzionamento dell’occhio.
Presso tutte le sedi di Auxologico possono essere effettuate le visite oculistiche e gli esami diagnostici oftalmologici, che vengono eseguiti con strumentazioni moderne e ad alta precisione.
Numerosi sono i centri specialistici per la cura di patologie specifiche: dal Centro Glaucoma al Centro Oftalmologia Pediatrica, dalla Neuroftalmologia e l'Elettrofiologia Oculare all’ipovisione.

Presso la sede dell'Ospedale Capitanio si svolge l’attività chirurgica, che riguarda tutte le patologie dell'occhio (cataratta, retina, glaucoma, cornea).

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI