Salta al contenuto principale

Coronavirus e Vitamina C: stop alle bufale

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott.ssa Raffaella Cancello

Staff Centro Ambulatoriale Obesità - Auxologico Ariosto

In questi giorni di emergenza per il Coronavirus Sars Cov-2 non mancano le notizie fuorvianti, spesso prodotte da fonti poco autorevoli. Una in particolare di queste vere e proprie fake news sostiene che la Vitamina C sia utile per prevenire e addirittura curare l'infezione da COVID-19. Abbiamo chiesto alla Dott.ssa Cencello, nutrizionista, di fare chiarezza e spiegare per cosa sia invece utile e indispensabile la Vitamina C.

VITAMINA C PER IL CORONAVIRUS, SERVE OPPURE NO?

Mi piacerebbe poter dire di sì, ma la vitamina C non ha ad oggi alcuna comprovata utilità per prevenire o curare l’infezione da covid-19 e chi trasmette questo messaggio alimenta e sostiene le cosiddette “Fake News” o “Bufale”.

Data la gravità della situazione che stiamo vivendo, è importante informarsi solo da canali ufficiali e interrompere quando possibile la “catena del contagio da false informazioni” non girando tali messaggi sui social.

La vitamina C è tuttavia un micronutriente importante per la nostra salute e vale la pena conoscerla meglio.

CHE COS’È LA VITAMINA C?

La vitamina C (o acido ascorbico o ascorbato) è un importante micronutriente e fa parte della famiglia delle vitamine idrosolubili. Fu identificata negli anni '30 studiando lo scorbuto, la cui causa si è rivelata essere la sua carenza.

Dopo la sua identificazione, c’è stato un interesse crescente per capire i suoi vari effetti, non solo sullo scorbuto. L’uomo non ha la capacità di sintetizzare, accumulare e conservare questa preziosa vitamina e per questo motivo, livelli adeguati di vitamina c dipendono dalla dieta.

A COSA SERVE LA VITAMINA C?

La vitamina C ha proprietà antiossidanti, neutralizza i radicali liberi che accumulati danneggiano cellule e tessuti. È un cofattore indispensabile in numerosi processi fisiologici per la regolazione del sistema immunitario, per la sintesi di collagene, la produzione di ormoni e neurotrasmettitori, ed è importante per il metabolismo del ferro ed il suo assorbimento.

Grazie alla sua solubilità in acqua, la vitamina C può funzionare sia all'interno che all'esterno delle cellule e può neutralizzare i radicali liberi e prevenire danni da loro accumulo. Da ricordare che viene spesso utilizzata anche come conservante alimentare e indicata in etichetta col suo nome tecnico “acido ascorbico” o con la dicitura E300.

Il suo utilizzo è importante anche a livello agroalimentare dato che questa vitamina contrasta la reazione fra ammine e nitriti, che porta alla formazione delle pericolose N-alchil-nitrosammine, composti cancerogeni.

Attenzione però: tutti gli agenti riducenti e antiossidanti, inclusa la vitamina C, possono anche fungere da pro-ossidanti quando ci sono elevati ioni metallici. Infatti gli integratori di Vitamina C non sono raccomandati nelle persone con alti livelli di ferro.

LEGGI ANCHE: ALIMENTAZIONE CORRETTA DURANTE IL CORONAVIRUS 

COME SI ASSUME TRAMITE L'ALIMENTAZIONE?

L'acido ascorbico è contenuto particolarmente:

  • negli agrumi (arance e limoni);
  • nei kiwi; 
  • nei frutti di bosco (ribes);
  • in alcune verdure (peperoni crudi, rucola, broccoli, cavoli di bruxelles, rapa e peperoncini piccanti)
  • nei legumi (come fave e piselli crudi).

I livelli di assunzione di riferimento per la popolazione italiana (LARN) sono diversi nei due sessi e per fascia di età, ma mediamente sarebbe bene assumerne 60-75 mg al giorno, 70-90 mg al giorno per le donne in gravidanza o allattamento.

Va ricordato che la dieta equilibrata garantisce la giusta quantità di Vitamina C, ma vanno sempre inserite frutta e verdure fresche sopra citate.

Per effetto della cottura, la frutta e la verdura ricche di vitamina C possono arrivare a perderne anche oltre il 70% del loro contenuto.

IN QUALI CASI È INDICATO ASSUMERE INTEGRATORI?

Se e solo se c'è un accertato stato carenziale verificato col proprio medico di famiglia o se si è certi di non poter assumere cibi che la contengono seguendo una dieta sbilanciata per lunghi periodi è utile una integrazione. Il fatto che la vitamina C sia venduta senza prescrizione in farmacia non significa che si possa assumere liberamente.

UN SOVRADOSAGGIO DI VITAMINA C PUÒ DARE PROBLEMI?

La vitamina C non genera tossicità in quanto idrosolubile: l’eccesso viene eliminato con le urine. Tuttavia se la si assume in dosi troppo elevate (più di 3-5 grammi al giorno) si incorre in fenomeni di Ipervitaminosi e si potrebbe andare incontro a diarrea e/o calcolosi renale.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI ARTICOLI

Articolo del 20/03/2020, revisionato il 20/05/2020.


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).