Coronavirus e patologie autoimmuni

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Prof. Franco Capsoni

Direttore U.O. Immunologia, Allergologia e Reumatologia - San Luca - Auxologico San Luca

LE PERSONE CON PATOLOGIE AUTOIMMUNI, HANNO PIÙ PROBABILITÀ DI CONTRARRE IL VIRUS?  

No. La probabilità di contrarre l’infezione virale da coronavirus non è aumentata nei pazienti con malattie autoimmuni.

SE CONTRAGGONO IL CORONAVIRUS, CORRONO MAGGIORI RISCHI?

Ciò che cambia in questa popolazione è che, in caso di infezione, l’evoluzione della malattia virale potrebbe essere più severa per 2 motivi:

  • da un lato la presenza di alterazioni funzionali del sistema immunitario caratteristiche di tutte queste malattie (lupus eritematoso, artrite reumatoide, scelrodermia, polimiosite/dermatomiosite, sjogren);
  • dall’altro le terapie utilizzate per il loro controllo che, quasi costantemente, tendono a inibire la risposta immune (cortisonici, immunosoppressori, farmaci biologici).

CHE CONSIGLI POSSIAMO DARE LORO IN QUESTO PERIODO?

Per quanto appena detto, i pazienti con malattia autoimmune devono seguire in modo particolarmente rigoroso tutte le indicazioni fornite alla popolazione dagli organi competenti ponendo particolare attenzione alle norme igieniche e alla limitazione  degli spostamenti, dei viaggi, e della frequentazione di ambienti affollati. 

Non è invece da considerare l’interruzione o riduzione delle terapie in atto se non prima concordata con lo specialista di riferimento

COSA DEVE FARE UNA PERSONA CON PATOLOGIE AUTOIMMUNI SE SOSPETTA DI AVER CONTRATTO IL VIRUS?

Nel caso di sospetta infezione da coronavirus, le procedure sono le stesse indicate per la popolazione generale.

In caso di esito positivo del tampone sarebbe opportuno un contatto immediato anche con l’immunologo/reumatologo di riferimento per stabilire, in base al quadro clinico, se vi siano necessità di revisione delle terapie in atto.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS
 

DONA ORA: CON IL TUO AIUTO #CELAFAREMO

Auxologico sta affrontando l'emergenza Coronavirus operando in stretta sinergia con l’Unità di Crisi di Regione Lombardia per affrontare le necessità dei pazienti affetti da Covid-19 e allo stesso tempo continuare a sostenere la rete di emergenza urgenza cardio-neurologica e la presa in carico di pazienti riabilitativi.

Medici, infermieri e personale non sanitario sono in prima linea per offrire a tutti l'accoglienza e la cura più adeguata.

Le donazioni ci aiuteranno ad acquistare farmaci, dispositivi medici, dispositivi di protezione individuale e attrezzature sanitarie utili a fronteggiare il Covid-19, tra cui ventilatori polmonari per terapia intensiva e sub intensiva, maschere chirurgiche, maschere FFP2 e FFP3, occhiali e visiere protettive.

SCOPRI COME AIUTARCI