Allergie stagionali

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Dott. Luca Catelli

Staff U.O. Immunologia, Allergologia e Reumatologia - San Luca - Auxologico San Luca

CHE COS’È L’ALLERGIA?

L’allergia (alimentare, cutanea, respiratoria, da contatto) è una reazione eccessiva del sistema immunitario che combatte contro sostanze presenti nell’ambiente e in natura, normalmente innocue, riconoscendole come nemiche. Questa risposta scatena, in alcune persone geneticamente predisposte, una serie di processi infiammatori a carico di organi e tessuti.

SINTOMI

  • irritazione e lacrimazione;
  • rinite (naso che cola) o naso chiuso;
  • difficoltà respiratoria (asma);
  • prurito o arrossamenti cutanei ( orticaria, dermatite atopica);
  • prurito al palato dopo aver mangiato frutta e verdura cruda, dolori addominali, diarrea

QUALI SONO LE CAUSE PIÙ FREQUENTI DI ALLERGIA?

Tra le cause più comuni ci sono:

  • polline di alberi, graminacee o altre erbe;
  • acari della polvere di casa;
  • muffe;
  • peli e forfora di animali;
  • veleno di api, vespe, calabroni (imenotteri).

ALLERGIE E STAGIONI

La comparsa dei sintomi può essere limitata tuttavia ad alcune stagioni.

Per i pazienti che soffrono di allergia al polline la primavera e l’estate sono le stagioni che determinano un maggior numero di sintomi. Ad esempio in febbraio-marzo, per via dell’elevata quantità di polline di betulla, di nocciolo o di ontano, oppure da marzo a settembre nel periodo di fioritura delle graminacee o ancora da agosto ad ottobre nel periodo di fioritura dell’ambrosia, è frequente lo scatenarsi di reazioni allergiche.

I pazienti sensibili alle muffe invece possono accusare disturbi respiratori soprattutto nelle stagioni caldo-umide, quando gradi quantità di spore si possono ritrovare anche nelle case grazie alla presenza di piante, o in ambienti umidi o poco areati come cucina e bagno.

COME SI DIAGNOSTICA L’ALLERGIA?

La diagnosi di allergia (alimentare, cutanea, respiratoria, da contatto), deve essere riscontrata da un medico specializzato in allergologia: il medico, raccogliendo la storia clinica e la presenza di sintomi spesso associati a un problema di allergia, decide quali test effettuare per confermare il sospetto clinico di oculorinite o asma allergico.

I TEST PER LE ALLERGIE IN AUXOLOGICO

L’Unità Operativa di Immunologia, Allergologia e Reumatologia a direzione universitaria di Auxologico offre l’inquadramento diagnostico, le terapie e il follow up del paziente per le patologie allergiche di bambini e adulti, in sinergia con il Laboratorio di Ricerche di Immunologia Clinica e Reumatologia, proponendo tutte le soluzioni diagnostiche più consolidate scientificamente e all'avanguardia. 

ALLERGIE TRATTATE

  • Esami di laboratorio Auxolab per allergie per bambini e adulti;
  • ISAC Test (prelievo del sangue che consente di identificare gli anticorpi verso 112 sostanze);
  • Prick test;
  • Patch test;
  • Rast test;
  • prove di funzionalità respiratoria (spirometria);
  • test di bronco-reversibilità farmacologica con broncodilatatore;
  • Test di broncoprovocazione con metacolina per porre diagnosi di asma in pazienti con spirometria nella norma;

TRATTAMENTI PER L’ALLERGIA IN AUXOLOGICO

Esistono diversi farmaci per alleviare i sintomi dell’allergia che devono essere prescritti dal medico sulla base della visita e dei test effettuati.

I farmaci più utilizzati sono gli antistaminici, disponibili in compresse o come spray nasali o colliri, e i cortisonici, soprattutto spray nasali efficaci nell’ostruzione nasale.Queste terapie però non modificano la storia naturale della patologia allergica.
L’unica terapia in grado di curare la causa della malattia allergica e di modificare la progressione dei sintomi respiratori prevenendo la comparsa di complicanze più gravi come l’asma, è la terapia desensibilizzante.

Esistono due vie per la somministrazione dell’immunoterapia:

  • Sublinguale (via orale)
    L’allergene viene trattenuto sotto la lingua per circa 2 minuti e successivamente ingoiato. Le dosi vengono incrementate gradualmente e vengono di solito assunte giornalmente per alcuni mesi prima e durante la stagione pollinica, per un periodo di 3 anni.
     
  • Sottocutanea (via iniettiva)
    Gli allergeni vengono iniettati per via sottocutanea inizialmente ogni 7-14 giorni e poi una volta al mese, a dosi sempre maggiori, sino a una dose massima che varia a seconda della terapia prescritta. Anche questa terapia deve essere proseguita per un periodo di 3 anni consecutivi.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI