Salta al contenuto principale

Aggiornamenti dal pneumologo: fake news e aggressività del virus

Torna indietro

Sei in AUXOLOGICO

APPROFONDIMENTI

A cura di

Prof. Gianfranco Schiraldi

Staff Servizio Pneumologia

FAKE NEWS SUL CORONAVIRUS

Per prima cosa confutiamo alcune “false notizie", le fake news che anche in questo momento girano in rete:

  • le onde elettromagnetiche (sotto accusa ora il 5G) causano un abbassamento delle difese immunitarie e favoriscano la diffusione di malattie infettive quali il nuovo coronavirus. Se fosse così quali onde elettromagnetiche vi erano nei secoli scorsi quando vi furono pandemie come la peste, la sifilide e il vaiolo?
  • il virus è stato prodotto in laboratorio: chi ha avuto la possibilità di visitare i laboratori che trattano questi virus sa che la possibilità di esportare dai laboratori del materiale sia praticamente impossibile. Non solo le procedure di sanificazione, ma anche i controlli con scanner sono impressionanti. E comunque è ormai stato dimostrato che il virus sia mutato nei pipistrelli e pangolini (formichieri squamosi) in Cina;
  • è stato ipotizzato che quella lombarda sia una variante più aggressiva del virus: ma questo dato è stato confutato da più fonti.
  • la vitamina C non ha un ruolo fondamentale nella cura del virus

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS E VITAMINA C: STOP ALLE BUFALE

L'AGGRESSITIVÀ DEL VIRUS CHE COLPISCE ANZIANI MA NON SOLO

Ripetiamo che questo virus è nettamente più aggressivo del comune virus influenzale; infatti la mortalità sembra essere 30 volte superiore rispetto alle aspettative: si passa dall’0,1% al 3% circa.

Bisogna però considerare che i casi diagnosticati sono solo una minima parte degli infetti: la maggior parte ha un raffreddore o un’influenza più forte del solito e non richiede ricovero ospedaliero.

È vero che i casi gravi sono costituti da persone anziane con patologie già gravi, ma vi sono anche casi di giovani in buona salute.

Ricordiamo che il nostro paese, assieme al Giappone, è quello che ha più anziani per 3 fondamentali motivi:

È UN VIRUS DIVERSO DAGLI ALTRI?

Il Nuovo Coronavirus è una variante dei tanti coronavirus esistenti da tanti anni; ha una diffusione più rapida e una maggior mortalità nelle persone fragili perché, causando una polmonite interstiziale, mette sotto stress organi già gravemente malati. Meno grave della SARS del 2002, mai arrivata in Europa, o della successiva MERS che colpì il medio oriente e l’Arabia Saudita.

LEGGI ANCHE CORONAVIRUS E ANZIANI: COME DIFENDERSI DAL CONTAGIO

PERCHÈ I CONTAGI NON SI FERMANO?

Molti soggetti, che risulterebbero positivi al Coronavirus Sars-Cov-2 se facessero il tampone, hanno sintomi banali e quindi trasmettono inconsciamente la patologia ad altri soggetti, magari più fragili: i contagiati  potrebbero essere da 3 a 10 volte più numerosi dei casi riportati in TV (quelli sono solo il numero dei ricoverati, dei morti e dei guariti!). Ciò spiega il considerevole aumento dei casi di contagio.

Dopo che misure di isolamento a casa sono state attuate e adottate si è verificata una diminuzione dei nuovi contagi (riconosciuti!) e dei morti in Lombardia.

Ci troviamo di fronte a un fenomeno nuovo per noi, anche se quanto accaduto nella famosa Influenza Asiatica e quanto adottato in Cina e Corea del Sud qualche cosa avrebbe dovuto insegnare. 

Gli statistici avevano previsto, in Lombardia, un picco per sabato 21 marzo e quindi un calo dei nuovi contagi.

Adesso aspettiamo gli effetti nelle regioni del sud. 

Non ultima, tra le motivazioni per cui i contagi non si arrestano, è rappresentata dai comportamenti talvolta scorretti delle persone che hanno violato le direttive del governo. Basti pensare a chi ha continuato a spostarsi da una città all’altra.

O alle migliaia di persone che si sono trasferite al centro-sud presso le famiglie di origine, portando il virus nei treni, nelle stazioni, e all’arrivo nelle città, ai loro cari.

LEGGI LE MASCHERINE SERVONO DAVVERO CONTRO IL CORONAVIRUS?

IL PROBLEMA DEGLI ANTINFIAMMATORI. SONO UTILI?

È sconsigliato l’uso degli antinfiammatori ampiamente usati per artrosi e varie patologie infiammatorie, se non strettamente indispensabile e sotto indicazione medica.

Si consiglia l’uso di Paracetamolo in caso di febbre elevata o di dolori connessi a disturbi respiratori perché non favorisce come gli antinfiammatori (FANS) l’infezione da Nuovo Coronavirus.

VACCINO

Per avere un vaccino idoneo bisogna attendere il tempo necessario per le sperimentazioni: non si possono usare vaccini non sicuri e proprio per la sicurezza di utilizzo ci vuole del tempo; in genere sui 18 mesi.

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI SUL CORONAVIRUS

Articolo del 24/03/2020, revisionato il 20/05/2020.


Oltre 60 anni di
ricerca e cura
Oltre 60 anni di
ricerca e cura

Dal 1958 Auxologico opera nei settori della ricerca biomedica e dell'assistenza sanitaria di alta specializzazione per assicurare ai pazienti le cure più aggiornate ed efficaci.

16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania
16 sedi in
Lombardia, Piemonte, Lazio e Romania

Una rete integrata di strutture ospedaliere, ambulatoriali e di ricerca dedicata ai pazienti, dai più giovani agli anziani.

1.300.000
Persone/Anno
1.300.000
Persone/Anno

La fiducia dei pazienti si traduce ogni anno in 4 milioni di prestazioni ambulatoriali e in 178.000 giornate di ricovero erogate da oltre 1800 professionisti sanitari.

Salute
accessibile
Salute
accessibile

Garantiamo un servizio di elevata qualità clinica, per tutti, sia con il Servizio Sanitario Nazionale sia in regime privato con diverse soluzioni (Tariffa Smart, Convenzioni, Plus).