Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • CALDO MA NON TROPPO. BUONE PRATICHE PER LA TERZA ETA
    Come tutelare la qualità della vita durante l’estate e gestire le urgenze legate ai pericoli del caldo?
    Approfondisci
  • 8° RAPPORTO OBESITA
    Obesità e sonno: dalla patogenesi alla terapia
    Approfondisci
  • UN NUOVO GENE ENTRA NEL PUZZLE DELLA SLA
    IL 34ESIMO GENE ASSOCIATO ALLA SLA
    Approfondisci


Pap test



Il pap-test è l’esame diagnostico che permette di identificare eventuali anomalie cellulari presenti sul collo dell’utero. Quando indica la presenza di cellule alterate diventa necessario eseguire ulteriori controlli che hanno lo scopo di:

  • confermare o meno la presenza di tali alterazioni; 
  • individuare con sicurezza il tipo di alterazione;
  •  individuare la terapia più adeguata.

Si esegue in ambulatorio, con un prelievo vaginale che raccoglie alcune cellule dal collo dell’utero. Le cellule vengono poi “strisciate” su un vetrino ed esaminate al microscopio (esame citologico).  È bene ricordare che il pap test non sostituisce la visita ginecologica.
Per ottenere i migliori risultati, è necessario aspettare che siano passati 3-4 giorni dal ciclo mestrualesospendere almeno 3 giorni prima dell’esame i rapporti sessuali ed eventuali terapie farmacologiche.

Come regola generale,  salvo indicazioni diverse,  bisognerebbe eseguire il pap test ogni 3 anni dai 25 ai 64 anni.

In Auxologico è possibile effettuare il pap test per l’individuazione di eventuali anomalie del collo dell’utero,  presso tutti i punti prelievo senza appuntamento dalle 7.30 alle 11.30.



(2017-02-20 14:56:54)