Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • Giornata del Fiocchetto Lilla contro i DCA
    La testimonianza di una nostra paziente
    Approfondisci
  • MEDA
    AUXOLOGICO PARTECIPA AL PRESIDIO SANITARIO TERRITORIALE
    Approfondisci
  • SCOPERTO NUOVO GENE
    Gene responsabile della morte improvvisa nei giovani sportivi
    Approfondisci


Walking, muscoli e articolazioni



Dalla sedentarietà al walking: cosa fare per non farsi male?

Ne parliamo con Antonio Robecchi Majnardi, fisiatra nella U.O. di Riabilitazione Neuromotoria presso l'Auxologico a Milano.

La sedentarietà determina una progressiva modifica delle caratteristiche strutturali del muscolo e dei tessuti molli che si mostra a noi medici, specialisti della riabilitazione, con una maggiore rigidità del muscolo stesso ed una progressiva riduzione della funzionalità delle maggiori articolazioni.

Inoltre queste modifiche riguardano in maniera differente gruppi muscolari diversi con il conseguente consolidarsi di posture articolari non più equilibrate che facilitano l'insorgenza di problemi osteo-muscolo-articolari in particolare durante il movimento ripetuto (ad esempio mal di schiena, dolori al ginocchio, infiammazione della parte inferiore del piede, ecc.).

Per riprendere l'attività motoria con tranquillità riducendo il rischio di infortuni e dolori è opportuna una valutazione preventiva (ad esempio una visita fisiatrica) dei bilanciamenti muscolari ed articolari che permetta di identificare quali gruppi muscolari meritino di essere preparati alla ripresa della attività (per esempio sottoposti ad esercizi di allungamento o di rinforzo).

Nell'intraprendere un'attività motoria sono fondamentali inoltre la gradualità e la continuità dell'esercizio.



(2016-11-03 11:37:43)