Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • SETTIMANA EUROPEA DELLO SCOMPENSO CARDIACO
    I Medici e gli Infermieri del Centro Scompenso saranno a tua disposizione per informazioni e chiarimenti sulla malattia.
    Approfondisci
  • PONTI DI PRIMAVERA
    Aperture e chiusure: 25 aprile e 1 maggio
    Approfondisci
  • AUXOLOGICO - PROCACCINI
    Aperte le prenotazioni del Poliambulatorio
    Approfondisci


Parliamo di Ictus e di Stroke Unit



A cura della dott.ssa Barbara Corrà, Unità Operativa di Neurologia-Stroke Unit, Istituto Scientifico Ospedale San Luca.
 
Malattie cerebrovascolari: prevenire e curare, due aspetti dello stesso problema
Le malattie cerebrovascolari rappresentano la terza causa di morte in Italia: l’evenienza di una grave disabilità residua altera irrimediabilmente la qualità della vita sia delle persone colpite che delle famiglie dei pazienti, in quanto ne determina una più o meno reversibile compromissione dell’autosufficienza. La perdita di una funzione neurologica è la prima causa di invalidità permanente in Italia come nel mondo.

ictusCosa è l’ictus?
L’ictus  - stroke in inglese-  si verifica, nell’80% dei casi, quando un’arteria cerebrale si chiude improvvisamente, determinando la brusca interruzione dell’apporto di sangue a una regione dell’encefalo. Solo nel 20% dei casi si verifica invece un’emorragia cerebrale per rottura di arteria.

Che cure possono essere somministrate attraverso un pronto intervento?
Fino a qualche anno fa non era disponibile alcun tipo di cura per l’ictus ischemico  acuto e l’unica possibilità di intervento era rappresentata da una valida prevenzione.   Da tempo è stato approvato in Italia l’utilizzo di un farmaco, Alteplase, che può sciogliere il coagulo e quindi riaprire l’arteria che si è chiusa. Il trattamento è estremamente efficace soltanto se si riesce ad intervenire entro le 4 ore e mezzo dall'insorgenza dei sintomi e i benefici sonoquindi tempo-dipendenti, ovvero maggiori quanto più precoce è il trattamento.
In alcuni casi selezionati alla somministrazione di Alteplase può far seguito un intervento di rivascolarizzazione intra-arterioso per una miglior risoluzione del quadro clinico. L’operazione è effettuato in Centri qualificati. Il personale della Stroke Unit è in grado di identificare i casi nei quali questa opzione terapeutica può essere utile e di assistere il paziente nella fase pre e post-intervento.
La gestione del paziente colpito da ictus prevede la messa in atto di competenze multidisciplinari, che si esplicano dall’arrivo in Pronto Soccorso all’esecuzione degli esami necessari per effettuare la diagnosi, alla pianificazione ed attuazione della terapia.

La Stroke Unit
Per questo sono state create le STROKE UNIT (o UNITÀ CEREBROVASCOLARI), vere e proprie “cellule” di cura sub-intensiva e multidisciplinare all’interno dei reparti di Neurologia, dove si utilizzano sistemi di monitoraggio continuo dei parametri vitali, vengono eseguiti i trattamenti di rivascolarizzazione, si intraprendono percorsi di riabilitazione precoce e si attuano percorsi di cura predefiniti e omogenei secondo protocolli diagnostico-terapeutici per il trattamento precoce dei pazienti con  ictus acuto.
La Stroke Unit rappresenta il modello più avanzato ed efficace di trattamento dei disturbi cerebrovascolari acuti e l'unico in grado di ridurre significativamente mortalità e disabilità legati alla malattia.

La Stroke Unit dell’ IRCCS Istituto Auxologico Italiano in regime di convenzione con l’ Università degli Studi di Milanodispone di 4 letti monitorati, è gestita da personale dedicato e qualificato ed è dotata di strumentazione propria per la diagnostica ecografica (neurosonologia, posizionamento di cateteri venosi centrali e periferici, valutazione dei vasi arteriosi epi-aortici). L’attività di cura, diagnostica e prevenzione si inserisce in un contesto nazionale ed internazionale attraverso la partecipazione ai principali registri di ricerca clinica (SIST-MOST) ed a trial terapeutici (ACST-2, RESPECT-ESUS). Con una lunga tradizione di eccellenza, la Stroke Unit dell’IRCCS Istituto Auxologico Italiano si è continuamente aggiornata nello sviluppo delle nuove tecnologie ed è in grado oggi di offrire all’ utenza un trattamento moderno ed efficace dell’incidente cerebrovascolare acuto, formando anche le nuove generazioni di specialisti in Neurologia al trattamento in acuto dell’ incidente cerebrovascolare.

La disponibilità dei trattamenti in acuto dell’ictus ischemico non può che aumentare l’attenzione da porre alle strategie di prevenzione,  decennale eccellenza del l’Istituto Auxologico Italiano.

La prevenzione è indispensabile per ridurre significativamente il rischio di ictus, ma è altresì fondamentale per ottimizzare i risultati  delle opzioni terapeutiche
Per le patologie cerebrovascolari è disponibile un’ampia scelta di prestazioni ambulatoriali e strumentali, che vedono coinvolti operatori esperti e dedicati.
 
Stroke Team
Prof. Vincenzo Silani (Direttore UO di Neurologia-Stroke Unit)
Dott. Laura Adobbati (Neurologo, Coordinatore)
Dott. Barbara Corrà (Neurologo)

Dott. Davide Sangalli (Specializzando di Neurologia, Università degli Studi di Milano )
 
Attività clinica:
·         Stroke Unit – IRCCS Istituto Auxologico Italiano
          Ospedale San Luca, Piazzale Brescia 20, Milano
Attività ambulatoriale
·         Visita neurologica “stroke”: S. Michele (Dott. L. Adobbati, B. Corrà)
           Ospedale S. Luca piazzale Brescia (Dott. B. Corrà)
           Ospedale San Luca via Mosè Bianchi (Dott. L. Adobbati)
·         Prevenzione cerebrovascolare= visita neurologica + EDTSA:
           Ospedale San Luca S. Luca (Dott. B. Corrà)
·         Diagnostica vascolare = EDTSA: S. Luca (Dott. B. Corrà)

 
 





(2016-10-20 15:52:04)