Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • CALDO MA NON TROPPO. BUONE PRATICHE PER LA TERZA ETA
    Come tutelare la qualità della vita durante l’estate e gestire le urgenze legate ai pericoli del caldo?
    Approfondisci
  • 8° RAPPORTO OBESITA
    Obesità e sonno: dalla patogenesi alla terapia
    Approfondisci
  • UN NUOVO GENE ENTRA NEL PUZZLE DELLA SLA
    IL 34ESIMO GENE ASSOCIATO ALLA SLA
    Approfondisci


Ecografia nervi periferici



Le patologie del sistema nervoso periferico sono molto frequenti, anche nei giovani, con sintomatologia a  volte a decorso lento e priva di sintomi specifici nelle prime fasi.

Si passa da forme  meno gravi ma molto frequenti, come ad esempio la sindrome del tunnel carpale o l’intrappolamento del nervo ulnare nel gomito, a patologie traumatiche del nervo (lesioni da taglio diretto, lesioni post-frattura o post-intervento chirurgico,  a malattie più rare  come i neurinomi od a maggior di gravità, come le neuropatie autoimmuni, dovute cioè a danni causati ai nervi dal sistema immunitario del paziente.

Attualmente la diagnosi e il monitoraggio del tempo delle patologie del nervo periferico si avvale principalmente dell’esame elettromiografico.  Non di rado però con queste malattie si può incorrere in difficoltà diagnostiche che possono ritardare l’avvio di una corretta terapia o intervento.

Da alcuni anni è stata introdotto l’utilizzo delle ecografia a supporto e complementazione dell’esame elettromiografico.

Con l’ecografia, possiamo infatti andare direttamente a studiare la morfologia dei nervi del paziente, l’eventuale ipertrofia o le alterazioni strutturali, le eventuali compressioni di uno più tronchi nervosi, le patologie tumorali o le lesioni da taglio.

Pertanto l’utilizzo combinato dell’elettromiografia e dell’ecografia del nervo permette un miglioramento nella “definizione “delle patologie del nervo periferico ed una più precisa localizzazione topografica del danno, favorendo così un più adeguato iter terapeutico .
Ciò comporta benefici più immediati per il paziente, con riduzione dei tempi di guarigione e conseguentemente riduzione dei costi sanitari

Per questi motivi, grazie alla collaborazione tra il Dott. Massimo De Guido (radiologo) ed il Dott. Maderna (neurofisiologo-elettromiografista), è stato aperto un ambulatorio dedicato di ecografia dei nervi periferici  presso il Centro Diagnostico San Carlo di Via Pierlombardo 22.

Per prenotazioni

http://www.auxologico.it/prenota_online



(2016-05-11 16:30:10)