Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • SETTIMANA EUROPEA DELLO SCOMPENSO CARDIACO
    I Medici e gli Infermieri del Centro Scompenso saranno a tua disposizione per informazioni e chiarimenti sulla malattia.
    Approfondisci
  • PONTI DI PRIMAVERA
    Aperture e chiusure: 25 aprile e 1 maggio
    Approfondisci
  • AUXOLOGICO - PROCACCINI
    Aperte le prenotazioni del Poliambulatorio
    Approfondisci


Patologie degli Anziani



Ricerche in Medicina e Chirurgia delle Patologie degli Anziani

Quest'area di ricerca riguarda gli studi di patologie cardiovascolari, metaboliche, neurologiche e cognitive, motorie, sensoriali e internistiche che riguardano l'anziano, e che necessitano interventi neuroriabilitativi multipli e integrati per preservare o restituire la salute dell'anziano. Particolare attenzione è data ai problemi cognitivi e motori.

Con la recente estensione del nostro riconoscimento come IRCCS alle strutture del Polo Capitanio-San Carlo i nostri programmi di ricerca si sono estesi anche ad altre patologie dell'anziano e alla loro terapia e riabilitazione.

Le patologie di nostro speciale interesse sono:

1.    Patologie cardiovascolari
2.    Patologie metaboliche
3.    Patologie nervose, sensoriali e mentali, con particolare attenzione alla patologia cognitiva
4.    Patologie della deambulazione
5.    Patologie urogenitali
6.    Riabilitazione dell’anziano
7.    Genetica

Gli obiettivi principali delle nostre ricerche sono:

  • Un programma di telepresenza immersiva virtuale che include due CAVE per il riconoscimento precoce della fragilità e del deficit cognitivo iniziale nell’anziano e per gli interventi capaci di ridurre la fragilità.
  • Un programma, che partecipa al Cluster Nazionale Tecnologie per gli ambienti di vita del Ministero Istruzione, Università e Ricerca, per sviluppare test adeguati per valutare nell’anziano disabile gli effetti di innovazioni ambientali.
  • Un programma di ricerca ortopedica sulle grandi perdite di sostanza ossea nei fallimenti multipli di protesi d’anca.
  • Un programma di ricerche sulla protesi mininvasiva “protesi senza dolore”.
  • Studi di chirurgia robotica per il carcinoma della prostata.
  • Programma di urogenetica per diagnosi, stadiazione, scelta terapeutica e follow-up del paziente con neoplasia urologica.
  • Molteplici programmi di neuroftalmologia, che mirano all’identificazione di biomarker per la diagnosi precoce di degenerazione neuronale-retinica, la quantificazione di cellule endoteliali progenitrici nella degenerazione maculare dell’anziano, la quantificazione della degenerazione retinica post sinaptica nel paziente post-ictus.



(2016-02-22 14:03:53)