Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • AUXOLOGICO DI PIANCAVALLO
    INAUGURAZIONE DEI NUOVI REPARTI
    Approfondisci
  • MEDA: LE LEZIONI DI AUXOLOGICO A UNITRE
    Il programma per il 2017
    Approfondisci
  • 7 e 8 dicembre 2016
    APERTURE E CHIUSURE
    Approfondisci


Medicina del sonno



La Medicina del sonno: dormire meglio per vivere meglio.

A cura di prof. Gianfranco Parati, Dipartimento di Cardiologia, Istituto Auxologico Italiano, Dipartimento di Medicina Clinica e Prevenzione, Università degli Studi Milano-Bicocca.
E a cura della dott.ssa Carolina Lombardi, Laboratorio di Medicina del Sonno, Istituto Auxologico Italiano, Dipartimento di Medicina Clinica e Prevenzione, Università degli Studi Milano-Bicocca.
 


 E’ un fenomeno che ci riguarda tutti e occupa buona parte della nostra vita: il sonno. Dormire male, come ognuno sa, pregiudica anche la vita da svegli. A volte con possibilità di distrazioni ed incidenti, oppure, a lungo andare, determinando alterazioni e malattie nel nostro corpo. La medicina del sonno e i Centri per lo studio del sonno, come quelli attivati dall’Istituto Auxologico a Milano e a Meda presso il proprio Centro diagnostico, analizzano e curano le alterazioni del ritmo sonno-veglia.
La Medicina del sonno è una disciplina che negli ultimi anni ha subito un netto incremento di interesse  sia da parte di varie categorie specialistiche mediche sia da parte di diversi operatori nell’ambito della prevenzione nel settore sanitario.

Il neurologo clinico, il neurofisiologo, il cardiologo, lo pneumologo, così come l’otorinolaringoiatra, l’endocrinologo e l’internista, quotidianamente possono trovarsi a dover affrontare situazioni in cui è necessaria una conoscenza dei disturbi sonno correlati, delle potenzialità diagnostiche strumentali e dei diversi provvedimenti terapeutici farmacologici o non-farmacologici.

La sindrome delle Apnee ostruttive nel sonno (OSAS), per esempio, tipicamente legata al sovrappeso, è un fattore di rischio riconosciuto per le malattie cardiovascolari, prima fra tutte l’ipertensione arteriosa. D’altra parte buona percentuale di pazienti con cardiopatia presenta disturbi del respiro in corso di sonno che possono richiedere supporti di ventilazione notturni.

L’OSAS è inoltre la principale causa di eccessiva sonnolenza diurna che rappresenta un enorme problema sanitario e sociale, costituendo uno dei principali determinanti di incidenti alla guida e sul posto di lavoro.
Da non dimenticare poi tutta la sintomatologia sonno-correlata che accompagna la patologia neurologica sia nell’ambito di disturbi del movimento, disturbi neurodegenerativi e dell’epilessia.  
Ma cosa fanno esattamenti i Centri di medicina del sonno?  Valutano la storia del paziente “nel sonno”, permettono l’esecuzione di esami specifici per studiare con precisione eventuali alterazioni del sonno e della respirazione durante il sonno e offrono le soluzioni terapeutiche adeguate.  Interessante la peculiarità del centro di medicina del sonno dell’Ospedale San Luca a Milano, uno dei pochi in Italia (forse il primo) realizzato in un contesto internistico-cardiologico in stretto contatto con i neurologi. Per affrontare i molteplici problemi (neurologici, pneumologici, otorinolaringoiatrici, internistici cardiologici, endocrinologici, ecc.) che possono minacciare la nostra salute durante il sonno occorre un approccio multidisciplinare. Riguardo alle persone che possano presentare disturbi del sonno, limitandoci ai problemi respiratori, quali le apnee ostruttive, parliamo del 2-4% della popolazione generale, ma se solo consideriamo chi ha già qualche altro problema (come l’ipertensione arteriosa ) la frequenza balza al 50% dei casi».

Il Centro di Medicina del sonno di Milano (di cui quello di Meda è una estensione)  propone un’impostazione multidisciplinare, unica in Italia, con stretta integrazione di competenze cardiologiche e neurologiche.

Un recente convegno destinato al pubblico, svoltosi a Meda sul tema “Sonno e salute” ha discusso, grazie ai maggiori specialisti del settore operanti presso l’Istituto Auxologico, dei recenti progressi nella diagnosi, prevenzione e terapia dei problemi respiratori, neurologici e cardiovascolari nel sonno. Il pubblico numeroso e attento, ha seguito compatto sino al termine dei lavori, rivolgendo ai relatori numerose e circostanziate domande. Ulteriore dimostrazione che, in un’epoca veloce come la nostra (definita appunto “senza sonno”), il problema è noto ed avvertito, non solo dagli addetti ai lavori.



pressoffice2 (2016-02-19 10:03:11)