Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, o proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookies.
Accetto
  • CALDO MA NON TROPPO. BUONE PRATICHE PER LA TERZA ETA
    Come tutelare la qualità della vita durante l’estate e gestire le urgenze legate ai pericoli del caldo?
    Approfondisci
  • 8° RAPPORTO OBESITA
    Obesità e sonno: dalla patogenesi alla terapia
    Approfondisci
  • UN NUOVO GENE ENTRA NEL PUZZLE DELLA SLA
    IL 34ESIMO GENE ASSOCIATO ALLA SLA
    Approfondisci



Nasce il nuovo centro di Urotecnologie coordinato dal Prof. Patrizio Rigatti

Un centro in grado di curare le patologie urologiche, relative alla prostata, alla vescica e alle funzioni urologiche. Sia nell’uomo che nella donna. Grazie a moderne tecnologie terapeutiche, come sottolinea il nome “Centro avanzato diUrotecnologie”. E grazie soprattutto all’esperienza professionale e scientifica, riconosciute a livello internazionale, del direttore e del coordinatore scientifico del Centro: il dott. Andrea Cestari e il prof. Patrizio Rigatti.

Il nuovo centro dispone di un nuovissimo sistema per la chirurgia robotica da Vinci di ultima generazione, attrezzato anche con l’innovativa piattaforma “Single Site” di cui il dottor Andrea Cestari è stato uno dei pionieri. Sia come utilizzatore che nella messa a punto del robot da Vinci, in collaborazione con l’azienda americana “Intuitive”. Andrea Cestari è stato infatti il primo urologo al mondo ad eseguire un intervento di ricostruzione di anomalie della via urinaria con il robot da Vinci.

Si tratta di un sistema che consente, attraverso un’unica incisione cutanea completamente nascosta a livello dell’ombelico, di introdurre in addome tutto lo strumentario chirurgico necessario all’intervento. Con risultati equivalenti alla più tradizionale chirurgia minimamente invasiva, ma con un effetto estetico decisamente superiore e una ridotta convalescenza.

«Al momento», spiegano Patrizio Rigatti e Andrea Cestari, «non tutti gli interventi possono essere eseguiti con tale metodica “Single Site” ma confidiamo che lo sviluppo tecnologico porterà presto a nuovi ed interessanti sviluppi del sistema da parte della “Intuitive”, azienda americana produttrice del robot da Vinci, con cui collaboriamo da un punto di vista scientifico».

Accanto alla chirurgia robotica urologica vengono eseguiti interventi in laparoscopia con i nuovi sistemi a 3D, che consentono una più precisa identificazione e definizione dei dettagli di anatomia per interventi sempre più precisi e mini-invasivi, che si traducono in importanti vantaggi per i pazienti, riducendo la degenza post operatoria, le possibili complicanze e offrendo un più precoce ritorno alle attività sociali e lavorative.

«Un'altra apparecchiatura importante acquisita dal centro di Urotecnologie», spiegano sempre i responsabili, «è il laser ad Olmio, usato per il trattamento della ipertrofia prostatica ostruente e per il trattamento endourologico della calcolosi urinaria e di alcune forme di tumore della via escretrice. Ad esempio, rispetto ai trattamenti più tradizionali, il laser ad Olmio permette di dimettere il paziente operato per ipertrofia prostatica già dopo un giorno dall’intervento, senza catetere, mentre per alcune forme di tumore della via escretrice è possibile distruggere la neoplasia con il laser senza dover necessariamente rimuovere tutto l’organo». 

pressoffice2 (01 May 2013)